Api e neonicotinoidi, a fine anno nuovo rapporto Efsa

Svolta nella metodologia per valutare i legami di causa-effetto fra alcuni tipi di agrofarmaci e morìa delle api. L'ha annunciata la direttrice dell'Agenzia, Catherine Geslain-Lanéelle

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

api-alveare-miele-byflickrcc20-davidnikonvscanon-500.jpg

Efsa, a fine anno nuovo studio su api e neonicotinoidi

In un comunicato del 12 ottobre il direttore esecutivo dell'Efsa, Catherine Geslain-Lanéelle, ha annunciato che l'Agenzia pubblicherà entro la fine dell'anno sul proprio portale un rapporto di valutazione sulle recenti ricerche che hanno individuato effetti negativi di alcuni agrofarmaci, principalmente neonicotinoidi, nei confronti delle api e di altri insetti pronubi.


Parallelamente è in preparazione una Nuova linea guida per la valutazione del rischio degli agrofarmaci nei confronti delle api che verrà utilizzata nell'autorizzazione dei prodotti nell'ambito del nuovo regolamento 1107/2009.

Una bozza di proposta è disponibile sul sito dell'Agenzia per raccogliere le opinioni degli operatori del settore.
Occorre però sbrigarsi: il “commenting period” terminerà il prossimo 25 ottobre. La nuova procedura per la valutazione del rischio intende valutare le lacune della precedente metodica, che non teneva sufficientemente conto degli effetti subletali di certi principi attivi.
Altra importante novità nella bozza proposta è la necessità di sviluppare una metodologia che tenga conto degli effetti cumulativi e della sinergia di differenti sostanze, aspetto sinora inesplorato per la notevole complessità. Come per le altre linee guida recentemente adottate, il processo di valutazione del rischio sarà “stepwise”: tanto più una sostanza si rileva problematica, tanto più approfonditi saranno gli studi necessari per dimostrarne la sicurezza. Contrariamente alle precedenti versioni, tra gli studi richiesti vi sarà anche la tossicità “cronica” che prevede un'esposizione della durata di 10 giorni, per tenere appunto conto degli effetti subletali dei prodotti.
Lasciando alla vostra lettura l'analisi del complesso documento (oltre 200 pagine), le nuove metodiche faranno sicuramente salire i costi per lo sviluppo di nuovi prodotti, ma con tutta probabilità risparmieranno rischi ben maggiori all'intero ecosistema.


 

Per saperne di più

Comunicato della direttrice dell'EFSA

Bozza di linea guida dell'EFSA per la valutazione del rischio nei confronti delle api.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.197 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner