Sicilia, agrumi: emanate le misure obbligatorie contro il mal secco

Dalla chisura delle ferite da agenti atmosferici fino all'estirpazione degli agrumeti più compromessi. E' la linea dura dell'assessore Bandiera contro il fungo, che da tempo sta prendendo piede nelle zone agrumetate dell'isola

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

agrumeti-in-fiore-agrumi-arance-by-vulcanus-adobe-stock-750x469.jpeg

Scade il 31 ottobre il bando della misure 5.2 del Psr Sicilia: finanzia estirpazioni di agrumeti infetti e reimpianti con piante sane
Fonte foto: © Vulcanus Adobe Stock

Misure fitosanitarie obbligatorie in tutte le aree della Sicilia gravemente contaminate dal mal secco degli agrumi. Per ostacolare la diffusione del fungo, che rischia di mettere in ginocchio numerose aziende agricole del comparto agrumicolo, l'assessorato Agricoltura della Regione Siciliana ha emanato le misure fitosanitarie di protezione obbligatorie contro l'introduzione e la diffusione, sul territorio regionale, di organismi nocivi per le produzioni, in special modo in progressiva estensione agli impianti agrumicoli sensibili circostanti.
 

Le misure fitosanitarie adottate

Potatura di risanamento, estirpazione, bruciatura, disinfezione delle ferite provocate da agenti atmosferici avversi, protezione con reti di copertura, trattamenti alla chioma delle piante, sono soltanto alcuni degli interventi obbligatori per le aree gravemente contaminate con danni rilevanti.

"Abbiamo a cuore la tutela e la salvaguardia degli agrumeti siciliani, che rappresentano una tra le più importanti risorse del territorio - afferma l'assessore per l'Agricoltura Edy Bandiera -. Vigileremo, tramite il Servizio fitosanitario regionale, affinché vengano rispettate tutte le prescrizioni emanate, applicando in caso di inosservanza le sanzioni amministrative previste per legge. Nei casi di agrumeti caratterizzati da grave e diffusa sintomatologia, in concomitanza con un evidente stato di abbandono, sarà inoltre possibile ordinare l'estirpazione dell'intero impianto o di parte di esso".

"I soggetti inadempienti
- spiega l'assessore Bandiera - qualora beneficiari di una misura di sostegno alla produzione, verranno segnalati agli enti preposti all'erogazione dei contributi comunitari, per le valutazioni di competenza".
 

Psr, il bando della misura 5.2 scade il 31 ottobre

Resta attivo nel frattempo, fino alla data di scadenza prevista per il prossimo 31 ottobre, il bando che destina 10 milioni di euro, con un contributo del 100% a fondo perduto, alle aziende agricole danneggiate dal virus della Tristeza degli agrumi e dal mal secco, a valere sulla misura 5.2 del Programma di sviluppo rurale Sicilia 2014-2020.

Ricostruzione degli impianti arborei a destinazione produttiva, distruzione ed estirpazione delle piante infette, smaltimento del materiale di risulta dell'impianto arboreo danneggiato, acquisto e reimpianto di varietà di piante resistenti o tolleranti, sono alcuni degli interventi realizzabili, al fine di riportare gli agrumeti siciliani nelle condizioni di efficienza nella quali si trovavano prima della diffusione del mal secco e del Tristeza virus.

Il bando e le misure fitosanitarie ufficiali contro il malsecco degli agrumi sono disponibili sul sito web del dipartimento Agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea della Regione Siciliana.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.850 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner