Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Claas "fa ambo" con Rollant e Disco Move

Il produttore tedesco rafforza ulteriormente la sua offerta per la fienagione, lanciando la nuova rotopressa a camera fissa Rollant 540 e le inedite falciatrici Disco 3600 Move e Disco 3200 Move

Info aziende
rollantdiscomove.jpg

Rotopressa Claas Rollant 540 e falciatrice Claas Disco Move, presentata in due versioni con larghezza di 3 e 3,4 metri
Fonte foto: Claas Italia

Il campo della fienagione è da sempre uno dei punti di forza di Claas che negli anni ha immesso sul mercato centinaia di attrezzature fra rotopresse, presse ad alta densità, andanatori, falciatrici e così via.

Dalle idee e dal know-how dei progettisti sono nati nuovi prodotti che accrescono ulteriormente l'offerta dalla casa di Harsewinkel. Si tratta dell'inedita rotopressa a camera fissa Rollant 540 e delle nuove falciatrici Disco 3200 Move e Disco 3600 Move.

Falciatrici Claas Disco Move 3600 FC - Disco Business 1100 C, andanatore Claas Liner 2700 e nuova rotopressa a camera fissa Claas Rollant 540 RC Comfort

 

Sistema di alimentazione e pressatura da "big baler" per la Rollant

La Rollant 540 è stata pensata dagli ingegneri Claas per offrire elevati livelli di produttività ed affidabilità, caratteristiche che si riscontrano già a partire dal pick-up, che con una larghezza di 2,10 metri, garantisce una raccolta del prodotto veloce ed efficiente. L'alimentazione del rotore è poi garantita da due coclee laterali che forniscono un afflusso del prodotto continuo e regolare alla nuova camera di pressatura.

Essa si compone di 16 rulli con profilo dentato che permettono di mantenere una rotazione ottimale della balla anche in condizioni di elevata umidità. Il cinematismo che ne alimenta il movimento si trova concentrato sul lato sinistro della rotopressa ed è pensato in modo tale che ogni rullo lavori ad azionamento diretto, con conseguente distribuzione uniforme della forza e un fabbisogno energetico inferiore.
 

Il pick-up all'opera su fieno di primo taglio
Il pick-up all'opera su fieno di primo taglio


Per ottenere la massima densità delle balle, è possibile applicare ai martinetti forze fino a 180 bar. Inoltre con il nuovo sistema opzionale MPS II (Maximum Pressure System II) è possibile raggiungere una compressione aggiuntiva, una rotazione precoce e una forma più uniforme della balla. Il design rivisitato della Rollant 540 ha anche permesso di ottenere al contempo una riduzione della pressione applicata alle strutture del portellone posteriore e sui cuscinetti, a tutto vantaggio della durata.
L'efficienza del sistema è mantenuta costante nel tempo grazie ad un nuovo sistema di lubrificazione che fa affidamento su di una pompa eccentrica. Quest'ultima agisce in modo preciso quando e dove necessario, nei punti di rotazione delle catene.

Come optional è possibile richiedere il meccanismo di trinciatura che, dotato di 15 coltelli e con una lunghezza di taglio di 70 millimetri, è facilmente azionabile dall'operatore direttamente dal terminale di controllo, dal quale si può anche decidere di abbassare il fondo di taglio in caso di intasamento.
Dal medesimo terminale di controllo è anche possibile eseguire moltissime delle regolazioni della macchina, fra cui anche quelle del sistema di legatura, a testimonianza del fatto che l'ultima Rollant garantisce anche un elevato grado di comfort ed ergonomia.
 

La sostituzione dell'avvolgimento avviene con pochi e semplici passaggi
La sostituzione dell'avvolgimento avviene con pochi e semplici passaggi

 

La serie Disco cresce e migliora

Disco 3600 Move e Disco 3200 Move vanno ad ampliare la già vasta gamma Claas Disco, che con questi nuovi modelli dispone ora di altre due falciatrici frontali con larghezza rispettivamente di 3 e 3,4 metri, senza condizionatore (F) o equipaggiate con condizionatore a flagelli (FC) o condizionatore a rulli (FRC).
 

Claas Disco Move vanta un nuovo cavalletto con cinematica Profil per l'adattamento ai diversi profili del terreno
Claas Disco Move vanta un nuovo cavalletto con cinematica Profil per l'adattamento ai diversi profili del terreno


Cuore del design delle Disco Move è il cavalletto di attacco, totalmente nuovo con cinematica integrata Profil, grazie alla quale le falciatrici sono in grado di adattarsi rapidamente ai profili del terreno, seguendone il profilo in salita con un'escursione che arriva a 600 millimetri e in discesa fino a 400 millimetri. Le macchine si adattano anche a pendenze laterali grazie ad un perno centrale, sul quale possono ruotare con un angolo di 30 gradi, e oscillano verso il retro con un angolo leggermente in diagonale per evitare impatti frontali con ostacoli rigidi.

Inoltre, l'idraulica integrata nel nuovo cavalletto permette al sollevatore anteriore dei trattori di rimanere in posizione fissa in quanto essa stessa si occupa della funzione di sollevamento a fondo campo ed è azionata tramite un distributore a semplice effetto. Il cavalletto di attacco dispone di serie anche della sospensione idraulica Active Float, la cui rigidità può essere regolata in qualsiasi momento tramite un distributore idraulico.
 

Claas Disco 3600 Move e Disco 3200 Move montano la barra Max Cut
Claas Disco 3600 Move e Disco 3200 Move montano la barra Max Cut


Sulle nuove Disco Move ritroviamo la collaudata barra Max Cut, brevettata da Claas e contraddistinta da un profilo ondulato stampato in un solo pezzo, caratteristica che consente ai dischi falcianti di essere posti anteriormente assicurando così una miglior qualità di taglio. La barra, insignita di un prestigioso premio internazionale dalla Steel Industry Association's Steel Innovation lo scorso giugno, presenta anche una forma speciale e una disposizione delle slitte che permette di raggiungere alti livelli di autopulizia e di qualità del foraggio.

L'azienda tedesca ha prestato particolare attenzione alla praticità d'uso e alla manutenzione, realizzando le ultime falciatrici con una struttura che prevede un avvitamento a bulloni e una lubrificazione permanente e semplificata nelle componenti di trasmissione, a garanzia di maggiori longevità e stabilità. Gli alberi di trasmissione richiedono una ridotta manutenzione e sono dotati di giunti universali che necessitano di lubrificazione ogni 250 ore.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner