Tripidi, acari e cicaline? La soluzione c’è…

Rufast E Flow di Cheminova permette il controllo delle cicaline, degli acari e dei tripidi di numerose colture di pregio

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

cheminova-rufast-e-flo-apertura.jpg
Abbattente, veloce, efficace. Dal 1995, anno della sua prima registrazione, acrinatrina si conferma prodotto di punta nel controllo di alcuni parassiti delle colture agrarie.
Oggi, distribuito da Cheminova nella formulazione Rufast E Flo, continua a rimanere punto di riferimento contro le cicaline delle drupacee e i tripidi delle colture orticole, insalata e fragola in primis.
Nel suo spettro d’azione ricadono insetti quali Scaphoideus titanus, Empoasca spp. e Zygina rhamni, cicaline che affliggono in particolare la vite, sebbene siano presenti anche sulle colture drupacee, per le quali Rufast E Flo è stato anche inserito nei disciplinari di produzione.
Fra le avversità entomologiche delle colture orticole spicca invece Frankliniella occidentalis, la quale si conferma in grado di apportare danni pesanti ai raccolti a seguito delle punture del suo apparato buccale. Lattuga, peperone e fragola sono i suoi bersagli preferiti e in alcune aree italiane, sede di orticoltura di pregio, rappresenta ancora uno dei target “Top” da contrastare.
Su fragola, avvertenza utile, è bene intervenire al primo manifestarsi dell’attacco, bagnando accuratamente la zona dei fiori.
 

Dosi e modalità di impiego

 
Su insalate, fragola, peperone, melanzana, fagiolo, fagiolino, cipolla, Rufast E Flo si applica alla dose di 0,3 L/ha, corrispondenti a 60 ml/hl adottando volumi pari a 500 litri per ettaro. A tali concentrazioni il prodotto esplica infatti al meglio la propria efficacia su tripide.
Su drupacee e vite Rufast E Flo va applicato alla comparsa delle prime forme mobili di Emposca decedens alla dose di 20-30 ml/hl, pari a dosi ettaro di 0,2-0,3 litri.
 
Gli intervalli di sicurezza appaiono alquanto favorevoli su peperone e melanzana, con soli tre giorni. Salgono invece a sette sulle altre colture orticole in etichetta, a eccezione per le insalate ove si devono sospendere i trattamenti a 14 giorni dalla raccolta.
 

Fonte: Cheminova

Tag: orticoltura

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.269 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner