Bayer CropScience chiama Brasile

Presentato nel corso dell'annuale conferenza stampa di Monheim un progetto sul mercato brasiliano: torna alla ribalta lo scambio, a causa della grande volatilità di prezzi e valuta

Francesca Bilancieri di Francesca Bilancieri

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Bayer.

Pedro-Campioni-Garrio.JPG

Pedro Campioni Garrio

Nuove soluzioni per nuovi mercati: all’annuale conferenza stampa a Monheim in Germania, Bayer CropScience ha presentato la propria proposta per il mercato del Brasile, Paese in forte crescita economica, la cui cifra distintiva sembra essere la grande volatilità.

Gli agricoltori brasiliani infatti devono confrontarsi con la costante crescita dei costi di produzione, dovuta alle elevate spese di logistica e trasporto, a loro volta causate dalla debolezza delle infrastrutture. Una situazione che rende necessario un miglior accesso a forme di finanziamenti convenienti.

Per creare soluzioni finanziarie adatte a questo mercato, Bayer CropScience offre un diverso metodo di pagamento: lo scambio.

Gli agricoltori, invece di acquistare gli agrofarmaci nella valuta locale, hanno ora un'alternativa: Bayer CropScience ha deciso di accettare commodities (per esempio sacchi di semi di soia) come un "hedge" naturale. Il meccanismo è basato su partnership con banche e società di trading.

In questo modo, liberandosi dalla volatilità della valuta e dei prezzi, gli agricoltori brasiliani possono pianificare il proprio futuro a lungo termine in maniera più efficace e flessibile.

 

 

Leggi il documento completo

 

 

 

 

 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Bayer CropScience

Autore:

Tag: agrofarmaci prezzi mercati