MAXCEL DI ISAGRO ITALIA, UN NUOVO BIOREGOLATORE

Il prodotto è indicato per il melo
Il prodotto stimola la divisione cellulare con un effetto diretto sulla pezzatura dei frutti, osservato più frequentemente su alcune varietà, che si aggiunge a quello che deriva dall'azione diradante, anche se questa è stata modesta

Questo articolo è stato pubblicato oltre 14 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

maxcell.jpg

Isagro Italia, in occasione del secondo anno di commercializzazione di MaxCel®, nuovo bioregolatore diradante del melo a base di 6-benziladenina (6-BA), ha realizzato un'interessante pubblicazione su questo particolare gruppo di agrofarmaci.  La citochinina 6-BA, presente in natura ma ottenuta industrialmente per sintesi, è stata solo recentemente introdotta nei programmi di diradamento, ampliandone la flessibilità. Il meccanismo principale di azione come diradante passa attraverso lo stimolo della produzione di etilene, ormone con un ruolo di regolazione primario nell'abscissiione dei frutti. Anche con la 6-BA, come con le auxine, si è osservata una riduzione del trasporto polare di IAA e una diminuzione della concentrazione di carboidrati necessari per lo sviluppo dei frutti. Come tutte le citochinine anche MaxCel® stimola la divisione cellulare con un effetto diretto sulla pezzatura dei frutti, osservato più frequentamente su certe varietà quali Golden Delicious, Gala, Fuji, Pink Lady e Granny Smith, che si aggiunge a quello derivante dall'azione diradante, anche se questa è stata modesta. Inoltre, come già accennato parlando dei fitormoni, le citochinine influiscono positivamente sulla differenziazione a fiore. Il prodotto riduce la carica produttiva incrementando la cascola dei frutti. Nell'azione diradante MaxCel® ha infatti dimostrato di agire "con intelligenza" facendo cadere principalmente i frutticini laterali del mazzetto, e tra questi i più piccoli e meno favoriti, amplificando e prolungando la loro tendenza naturale alla cascola. L'effetto di MaxCel® sulla riduzione dell'allegagione, osservabile dopo due-tre settimane dal trattamento, non è quasi mai eccessivo. Anche con basse cariche iniziali, in condizioni di elevata fertilità e in ambienti di collina è consigiabile aumentarne l'efficacia aggiungendo in miscela NAA e/o carbaryl o prevedere il suo impiego in successione ad altri principi attivi. La formulazione di MaxCel® contiene specifiche sostanze coadiuvanti che aumentano la velocità di assorbimento del principio attivo nella pianta, oltre a conferire una lunga stabilità nel tempo.

Per informazioni: Isagro Italia 20153 Milano (MI) - Telefono: 02 452801 - Telefax: 02 45280210
www.isagro-italia.it
info@isagro.it

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.711 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner