La sicurezza nel settore agricolo

Pan, agrofarmaci e macchine saranno i temi centrali del workshop organizzato da Silvio Fritegotto il prossimo 11 novembre a Bologna nell'ambito di Eima 2016. Ore 14.00 nella Sala Notturno al Centro Servizi, Blocco D

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

fritegotto-convegno-sicurezza-eima-2016.jpg

Bologna, 11 novembre 2016

Venerdì 11 novembre si terrà a Bologna il workshop organizzato da Silvio Fritegotto "La sicurezza nel settore agricolo: D Lgs 81/2008, Pan, fitofarmaci e macchine: per una gestione sicura e sostenibile del rischio chimico in agricoltura". L'incontro è in programma alle 14.00 nella Sala Notturno situata al Centro Servizi (Blocco D) nell'ambito di Eima International 2016, la fiera internazionale di settore organizzata da FederUnacomaBolognaFiere dal 9 al 13 novembre nel complesso fieristico.
 
Al centro del workshop, di carattere nazionale in quanto interesserà tutte le regioni d'Italia, vi saranno tutti gli aspetti legislativi e le criticità legate all’applicazione del Pan, (Piano di azione nazionale, sull’uso sostenibile degli agrofarmaci) e della corretta gestione degli agrofarmaci, dei trattamenti fitosanitari e del rischio chimico in riferimento alle colture agrarie da reddito. L'obiettivo dell'incontro è quello di illustrare lo stato dell’arte della normativa in materia di uso sostenibile degli agrofarmaci e della sicurezza nei luoghi di lavoro fornendo importanti indicazioni in merito alla corretta gestione del rischio chimico legato alle normali operazioni colturali.

Con l’entrata in vigore del D Lgs n 81/2008 (Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro) del D Lgs 150/2012 (Attuazione della direttiva 2009/128/Ce che istituisce un quadro per l’azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari) e del Pan, (Piano d'azione nazionale per l'uso dei prodotti fitosanitari in attuazione dell’articolo 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n 150) sono stati fatti molti passi avanti nel campo della sostenibilità ambientale e della sicurezza in agricoltura. Tutto ciò, da un lato, fa ben sperare ma si può e si deve ulteriormente migliorare.  

La sostenibilità ambientale delle produzioni agricole, la prevenzione dei rischi e la divulgazione di tecniche e procedure corrette in materia di sicurezza sul lavoro devono essere il punto fermo per una politica della sicurezza in agricoltura dinamica ed efficace. Gli ultimi rapporti annuali Inail riferiti agli anni dal 2010 al 2012 evidenziano un sostanziale calo degli infortuni in agricoltura a fronte, invece, di un aumento dei casi di malattie professionali.

L’Ismea, nel  suo rapporto sulla distribuzione per uso agricolo dei prodotti fitosanitari, indica che nel 2012, la quantità dei prodotti fitosanitari distribuiti per essere utilizzati nella protezione delle coltivazioni agricole risulta complessivamente in calo del 5,7% rispetto all’anno precedente e, rispetto al 2002, la diminuzione è stata del 19,8% mentre nel 2013  tutti i prodotti fitosanitari hanno registrato un calo rispetto al 2012: fungicidi -14,6%, insetticidi e acaricidi -15,0%, erbicidi -3,1% e vari -9,6%. Rispetto al 2002, il calo è stato del 29,2% (Fonte Ismea).
Tutto ciò porta ad una doverosa riflessione sui metodi e sulle procedure di sicurezza utilizzate negli anni in campo agricolo e, nello specifico, in coltura protetta. L’utilizzo in sicurezza degli impianti, dei prodotti fitosanitari, delle macchine e delle attrezzature che vengono impiegate nell’esecuzione dei trattamenti sono fondamentali nella prevenzione degli infortuni, delle malattie professionali e nella tutela della sicurezza e della salute degli operatori.

Media partner: AgroNotizie, Macgest e Il Floricultore - Partner fair: Eima 2016 - Partner tecnici: Enama e Cia

Per maggiori informazioni sul programma e sull'iscrizione all'evento clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.525 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner