Agricoltura sostenibile: l'esperienza della filiera del grano duro di alta qualità

I risultati del progetto Icafrud saranno presentati domani, giovedì 25 ottobre, dalle 9.30 nella sala Cavour del Mipaaft

agricoltura-lavoro-agricolo-campo-grano-raccolto-trattori-macchine-agricole-tyler-olson-fotolia-750.jpg

Roma, 25 ottobre 2018
Fonte foto: © Tyler Olson - Fotolia

In occasione del World pasta day, domani 25 ottobre 2018, nella sala Cavour del Mipaaft a Roma, al workshop "Per un'agricoltura italiana più sostenibile: l'esperienza della filiera del grano duro di alta qualità" sarà presentato un nuovo modello pilota di coltivazione del grano duro, in grado di garantire alla pasta italiana una materia prima di eccellente qualità, con ottime rese e ridotto impatto ambientale.

Si tratta di Icafrud, Impronta carbonica della coltivazione di frumento duro, messo a punto dal Crea politiche e bioeconomia in collaborazione con Barilla, Horta, Lyfe Cycle Engeneering e Ccpb, nell'ambito del progetto Barilla Sustainable Farming, che punta a ottenere prodotti agricoli più sostenibili con un migliore utilizzo di fattori produttivi. I risultati rilevati sulle aziende che hanno aderito, saranno illustrati nel corso del workshop.  Le conclusioni dei lavori saranno affidate al sottosegretario Alessandra Pesce.

Scopri i dettagli del convegno "Per un'agricoltura italiana più sostenibile: l'esperienza della filiera del grano duro di alta qualità"

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.409 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner