Avviso ai naviganti n° 57: insetticidi fosforganici revocati e limiti massimi di residuo

Pubblicato il regolamento che abbassa i limiti massimi di residuo di clorpirifos e clorpirifos metile sulle derrate alimentari vegetali e animali

pesche-nettarine-by-cristiano-spadoni-agronotizie.jpg

Dopo ogni revoca europea scatta l’abbassamento dei limiti massimi di residuo sulle derrate alimentari prive di autorizzazione all’importazione
Fonte foto: © Cristiano Spadoni - AgroNotizie

A cinque mesi dal voto con cui l’abbassamento dei limiti massimi di residuo di clorpirifos e clorpirifos metile sulle derrate alimentari è stato approvato a maggioranza qualificata (con l’astensione del Portogallo e il voto contrario di Italia e Repubblica Ceca), è stato pubblicato sulla Gazzetta UE L239 del 24 luglio 2020 il relativo regolamento, il 2020/1085 del 23 luglio 2020.
Inizialmente la mancanza dell’allegato con i limiti, peraltro tutti fissati al valore di 0.01 mg/Kg, e soprattutto una data di entrata in vigore piuttosto vicina (6 agosto 2020) aveva confuso/terrorizzato gli addetti alla filiera, ma la rettifica pubblicata il 30 luglio ha incontrovertibilmente confermato l’entrata in vigore dei nuovi valori per il 13 novembre 2020. La rettifica ha anche messo a disposizione la tabellina con tutti i nuovi limiti di residuo sulle derrate alimentari che sono confermati al limite analitico di 0,01 mg/Kg.
 

E la cimice asiatica?

L’autorizzazione per emergenza fitosanitaria in scadenza a Ferragosto non sarà quindi influenzata in nessun modo dal regolamento (che l’Italia ha cercato di bloccare per cercare di assicurarsi un’ulteriore campagna di lotta ad Halyomorpha halys): secondo un chiarimento fornito dal ministero della Salute a novembre del 2007, “i nuovi limiti massimi di residui trovano applicazione per i trattamenti effettuati dopo l’entrata in vigore dei limiti stessi”. In altre parole, chi dovesse trattare le nettarine con clorpirifos metile contro la cimice asiatica deve ricordarsi che per le applicazioni effettuate prima del 13 novembre 2020 il limite massimo di residuo alla raccolta sarà quello “vecchio” (0,5 mg/Kg) mentre successivamente ogni trattamento con il fosforganico (si parlerà quindi di campagna 2021) troverà alla raccolta un LMR inferiore al limite analitico di 0,01 mg/Kg.
Quindi la campagna 2020 è al sicuro senza alcun dubbio, per la prossima si dovrà fare il tifo per la vespa samurai o per qualche altro mezzo tecnico autorizzato.
 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi

  • Regolamento (Ue) 2020/1085 della Commissione del 23 luglio 2020 Che modifica gli allegati II e V del regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i livelli massimi di residui di clorpirifos e clorpirifos metile in o su determinati prodotti.
  • Rettifica del regolamento (Ue) 2020/1085 della Commissione del 23 luglio 2020 Che modifica gli allegati II e V del regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i livelli massimi di residui di clorpirifos e clorpirifos metile in o su determinati prodotti.
  • Nota informativa in materia di prodotti fitosanitari - validità dei limiti massimi di residui di sostanza attive al momento del controllo ufficiale

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 243.434 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner