Rajah: risultati principeschi nella difesa dei cereali

Una novità Sumitomo contro le infestanti a foglia larga su frumento, orzo, avena, segale e triticale

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

sumitomo-rajah-immagine.jpg
Un formulato Nufarm
Nato dalla ricerca Nufarm e commercializzato in Italia da Sumitomo, Rajah è un erbicida liquido a base di bromoxinil, capace di contrastare validamente le infestanti a foglia larga sulle colture cerealicole, in particolare frumento, orzo, avena, segale e triticale.
 
Oggi che i cereali sono sempre più colture-chiave, diventa indispensabile disporre di efficaci prodotti per una strategia di diserbo che non provochi ulteriori fenomeni di resistenza delle infestanti. Oltre che sulle foglie larghe ‘classiche’ come Stellaria, Camomilla, Capsella, Rapistrum e Veronica, Rajah agisce anche sulle infestanti resistenti agli erbicidi ALS, come Papavero e Senape, può essere impiegato in miscela con altri prodotti per completarne lo spettro d’azione, e può essere utilizzato insieme ai più diffusi graminicidi.
 
Sicurezza nei trattamenti
A differenza di molti erbicidi ormonici, Rajah è un prodotto scarsamente volatile, e questo garantisce margini di sicurezza molto maggiori in tutti i trattamenti di post-emergenza eseguiti nelle vicinanze di colture sensibili.
L’attività di Rajah si svolge a livello di contatto e assorbimento fogliare sulle infestanti presenti al momento del trattamento, e il principio attivo non viene traslocato all’interno della pianta e non svolge azione residuale.
 
Rajah: la soluzione per un diserbo da re!
 
Rajah è un prodotto


 
Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. È obbligatorio l’uso di idonei dispositivi di protezione individuale e di attrezzature di lavoro conformi (D. Lgs. 81/2008 e ss.mm.).

Link
http://www.sumitomo-chem.it/scheda_prodotto/488/Rajah

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 183.226 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner