Agroalimentare, autenticità e frodi: nuovi sistemi di prevenzione

Il seminario Csqa si terrà a Bologna il prossimo 24 ottobre

infografica-contraffazione-csqa-fonte-qualivita.jpg

Bologna, 24 ottobre 2019

Il tema generale della compliance, la relazione fra standard volontari e obblighi di legge, l'integrazione dei sistemi di prevenzione e garanzia con gli strumenti di governance aziendale saranno al centro del seminario "Autenticità e frodi" organizzato da Csqa il 24 ottobre prossimo a Bologna con l'obiettivo di confrontarsi con le imprese agroalimentari e i professionisti del settore.

"Con questo seminario vogliamo supportare le imprese italiane nell'individuazione degli strumenti per la prevenzione e la gestione delle frodi inquadrando il tema nel contesto più generale della compliance e dei modelli organizzativi aziendali. Vogliamo promuovere l'adozione di modelli organizzativi che integrino governance aziendale, sistemi di gestione della compliance, valutazione e gestione dei rischi" dichiara Maria Chiara Ferrarese vicedirettrice di Csqa.

Crescono i numeri dei prodotti contraffatti in commercio. Il reato della frode favorisce i soggetti che agiscono contro la comunità danneggiando i consumatori e viene aggravato da quelle tipologie di illecito con ricadute sulla salute e la sicurezza dei cittadini. Un esempio su tutti il caso delle Indicazioni geografiche europee, un'eccellenza comunitaria, dove le frodi arrivano a valere 4,3 miliardi rappresentando quasi il 10% della produzione legale.
Tra i settori più sensibili al fenomeno c'è l'agroalimentare, non solo per le ripercussioni sul consumatore, ma anche per le conseguenze giudiziarie che potrebbero investire le aziende cui viene imputata una condotta fraudolenta, legata a reati previsti dal decreto legislativo che disciplina responsabilità amministrativa (D.lgs 231/01).

A livello internazionale, il tema delle frodi nel settore agroalimentare è affrontato anche dagli standard volontari più diffusi in materia di food safety quali Ggfsi, Fssc 22000 e Ifs. Più recentemente Iso ha pubblicato la Iso 22380:2018, 'Security and resilience–Authenticity, integrity and trust for products and documents – General principles for product fraud risk and counter measures'. Si tratta di una linea guida che propone una metodologia per la valutazione del rischio frode e la valutazione dell'efficacia delle azioni poste in atto per la diminuzione del rischio, sempre in ottica di prevenzione. Uno degli elementi innovativi introdotti dalla Iso 22380 è la richiesta di mappare, valutare e gestire l'intera supply chain e non il singolo sito operativo o la semplice relazione cliente fornitore.

Per informazioni e iscrizioni al seminario "Autenticità e frodi" è possibile visitare questa pagina web

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.800 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner