Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Sardegna, in arrivo 4 milioni per il comparto vitivinicolo

Fondi in via prioritaria pagheranno il saldo delle domande di contributo biennale presentate nel 2017, mentre la restante parte andrà alle domande annuali che saranno presentate nel 2018

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

banconote-soldi-by-m-schuppich-fotolia-750.jpeg

L'anticipo sulle domande biennali del 2018 sarà pagato solo in caso di disponibilità finanziaria residua
Fonte foto: © M Schuppich - Fotolia

L'assessore dell'Agricoltura della Regione autonoma della Sardegna, Pier Luigi Caria, ha firmato ieri, 10 gennaio 2017, il decreto che destina quasi 4 milioni di euro per gli investimenti destinati al comparto vitivinicolo isolano per l'annualità 2018: poco meno di 2,6 milioni di euro provengono da fondi dell'Unione europea e da rimodulazioni di fondi nazionali - un milione -, mentre la Regione Sardegna partecipa con un milione 334mila euro.

Tali risorse saranno utilizzate prioritariamente per il pagamento delle domande di saldo biennale presentate nel 2017, mentre la restante parte sarà dedicata per i pagamento delle domande di durata annuale presentate nel 2018.

Per quest'anno potranno quindi essere inviate domande di investimento di durata annuale e di durata biennale. Il decreto prevede inoltre che il pagamento dell'anticipo, sulla misura massima del 40% del contributo ammissibile per le domande di durata biennale 2018, sarà effettuato solo in caso di disponibilità di risorse finanziarie, dopo aver soddisfatto il fabbisogno delle domande di saldo biennali 2017 e annuali 2018, e seguendo l'ordine di graduatoria.

Il saldo delle domande biennali 2018 sarà invece pagato con lo stanziamento che verrà assegnato alla Regione Sardegna nella programmazione finanziaria del 2019. 

"Abbiamo sempre creduto in questo comparto, in crescita ogni anno sul piano della qualità dei vini e delle opportunità di lavoro. Come regione abbiamo il compito di creare le migliori condizioni affinché le nostre imprese possano operare con lo sguardo rivolto verso il futuro, facendo aumentare le produzioni e i mercati di vendita mondiali" ha detto Pier Luigi Caria.
"Se da un lato le storiche cantine si stanno consolidando e stanno portando a casa i più importanti riconoscimenti internazionali, dall'altro le nuove realtà hanno la freschezza e la voglia di fare propria dei loro fondatori, spesso giovani e giovanissimi. Un esempio per tutti è quello di Mamoiada dove decine di ragazzi hanno deciso di combattere la battaglia contro lo spopolamento delle aree interne, puntando sulla valorizzazione di uno fra i migliori Cannonau della Sardegna".

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 19 aprile a 138.495 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy