Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Fitosanitari: la Brexit si avvicina ma l'Italia non ne approfitta

Normativa europea: il regolamento 2018/155 ha elencato gli Stati che sostituiranno il Regno Unito nella valutazione dei dossier di rinnovo delle sostanze attive in scandenza

bandiera_europa_bruxelles-Stuart-Chaimers.jpg

La Commissione Ue ha deciso gli Stati che dovranno sostituire il Regno Unito nelle prossime valutazioni delle sostanze attive ad attività fitosanitaria
Fonte foto: Stuart Chaimers

Prosegue il conto alla rovescia per l’uscita del Regno Unito dalla Comunità europea, che scatterà il 29 marzo 2019 alle ore 23 (ora di Londra, mezzanotte ora italiana) e sarà seguito da un periodo di transizione la cui durata è ancora oggetto di negoziazione, e che la Ue ha proposto non vada oltre il 31 dicembre 2020.

I lavori di sostituzione del Regno Unito nelle procedure comunitarie sono iniziati da tempo; nel settore fitosanitario segnaliamo il regolamento 2018/155 che ha elencato gli Stati che valuteranno i dossier di rinnovo delle sostanze attive che scadranno nei prossimi anni.

Tra le sostanze del cosiddetto AIR4 (quarta fase del rinnovo dell’approvazione europea delle sostanze attive ad attività fitosanitaria) per le quali il Regno Unito figurava ancora come relatore o correlatore (Solfato di alluminio e ammonio, Azossistrobina, Bupirimato, Carbetamide, Clormequat, Etilene, Fenbuconazolo, Fluopicolide, Fluquinconazolo, Flutriafol, Estratto d'aglio, Metazaclor, Miclobutanil, Paclobutrazol, Pepe, Oli vegetali/Olio di citronella, Propaquizafop, Quizalofop-P-etile, Quizalofop-P-tefurile, Tri-allato, Urea) l’Italia non compare mai come sostituto, mentre nella fase successiva (AIR5) viene proposta come Stato relatore per 4 sostanze (Bacillus pumilus QST 2808, Halosulfuron metile, Spiromesifen, Trichoderma atroviride ceppo I-1237) e correlatore per 2 (Benalaxil-M, Trichoderma asperellum ceppo T34), su di un totale di 64 sostanze attive in scadenza sino al 2024. Questa ripartizione non sembrerebbe rispettare il peso che l’Italia dovrebbe avere a livello comunitario, ma questo lo sapevamo da un pezzo.
 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi

  1. Sito della Ue sui rinnovi dell’approvazione delle sostanze attive ad attività fitosanitaria.
  2. Regolamento di esecuzione (Ue) 2018/155 della Commissione del 31 gennaio 2018 che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 686/2012 che ripartisce tra gli Stati membri, ai fini della procedura di rinnovo, la valutazione delle sostanze attive

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 19 aprile a 138.495 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy