Massey Ferguson, spazio alla versatilità con la gamma MF3600

A Fieragricola 2014 un team di esperti sarà a disposizione dei visitatori presso lo stand C7 del padiglione 4

Michela Lugli di Michela Lugli

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

mf3600fieragricola.jpg

Gamma 3600 di specialistici Massey Ferguson
Fonte foto: AGCO

Immancabile presenza con oltre 60 anni di esperienza nel settore vigneto e frutteto, Massey Ferguson porterà a Fieragricola, in programma a Verona dal 6 al 9 febbraio prossimo, la serie MF 3600 al completo. Presso l'area esterna, sarà inoltre presente un 3650 GE con cabina ribassata, macchina di grande rilevanza per il brand che la proporrà a Verona nelle versioni cabinata e piattaformata.


MF 3640 Xtra. Fonte: Massey Ferguson
 
Nessuna novità vera e propria, come ipotizzabile vista la recente chiusura dell'evento tedesco di Hannover, ma una presenza importante per una serie capace di condensare in sei modelli e cinque versioni le risposte alle più diverse esigenze di lavoro.
 
 
La Gamma 3600 MF
MODELLO VERSIONI CAPACITA' POTENZA MAX 
    litri cavalli
MF3625 V/S/F/GE 3.3 69
MF3630 A 3.3 76
MF3635 V/S/F/GE 3.3 80
MF3640 A/F/V/GE 3.3 84
MF3650 A/S/F/GE 3.3 94
MF3660 S/F/GE 3.3 102

Alle versioni Vigneto, Special e Flex, con rispettivi range di larghezza da 1 a 1.30 metri, da 1.3 a 1.5 metri e da 1.45 a 1.90 metri, si aggiungono la versione Ground Effect caratterizzata dal profilo ribassato e da dimensioni particolarmente ridotte con larghezze da 1.15 a 1.40 metri e la versione A-Standard da 1.70 a 2.40 metri.


Le potenze disponibili, coprono un range che parte da 69 cavalli e raggiunge la potenza massima dei 102 cavalli nei modelli di punta.
Il motore è per tutti un Agco Sisu Power 3 cilindri, 3300 di cilindrata. Si contraddistinguono per il moderno propulsore diesel emissionato Stage 3A, i più recenti modelli MF3640, MF3650 e MF3660 tra i pochi nella categoria a vantare una tecnologia Common Rail ad alta pressione (400-1350 bar).
Ridotta rumorosità, maggiore precisione negli impieghi con la Pdp, elevata erogazione di potenza a bassi regimi motore e utilizzo della quantità di carburante esattamente necessaria in ogni momento con conseguente risparmio, le caratteristiche salienti di questo propulsore in grado di consumare fino al 25 per cento in meno rispetto alla versione precedente.


MF3660GE. Fonte: Massey Ferguson
 
Le trasmissioni variano da una 12x12 a tre gamme e quattro marce sincronizzate con inversore meccanico a una 24x24 a funzionamento meccanico o 24x24 Speedshift elettroidraulica con inversore meccanico, fino alla più recente PowerShuttle 24x12 con frizioni Speedshift multidisco in bagno d'olio ad azionamento elettronico, due per la marcia avanti e una per la retromarcia.  
Il comando SpeedShift è posizionato sulla leva del cambio e le marce innestabili senza l'uso della frizione sono 8 - da 3 a 10 chilometri orari in campo e da 7 a 40 chilometri orari su strada. Accanto al comando SpeedShift vi è il pulsante di disinnesto della frizione per cambiare le marce in modo meccanico durante la messa in marcia o l'arresto del trattore.
L'inversore elettroidraulico è dotato di Comfort Control, gestito da un pulsante in cabina, che permette di regolare la 'reattività' del PowerShuttle così da avere la giusta risposta del trattore in ogni situazione.


A sinistra, tasto A-disinnesto della frizione, tasto B-Speedshift.
A destra, interruttore Comfort Control. Fonte: Massey Ferguson

I due impianti idraulici indipendenti garantiscono al sollevatore posteriore e all'impianto idraulico ausiliario fino a 62 litri al minuto di flusso di olio ad una pressione massima di 190 bar.
Una pompa separata per lo sterzo e i servizi interni, eroga 21 litri al minuto a 130 bar, indipendentemente da altre richieste di flusso.
Ai distributori posteriori, fino a tre, si aggiungono due valvole montate centralmente e azionate da un joystick multifunzione.
Sui modelli MF 3600 in versione F, la portata idraulica principale è garantita da un sistema a doppia o tripla pompa.


 
Le macchine sono disponibili con cabina o semi-piattaforma con due o quattro ruote motrici e la manovrabilità è assicurata dall'assale anteriore SuperTurn con supporto in fusione dell'assale anteriore affusolato per le sterzate più strette.

Non cede il passo alla compattezza l'ambiente di lavoro che nelle cabine della serie 3600 unisce all'accesso semplice, maggiore spazio attorno al sedile, al volante e in prossimità dei comandi, ridotta rumorosità grande visibilità panoramica per un facile impiego degli attrezzi.

La capacità del sollevatore posteriore, arriva a 2500 chili e raggiunge 3000 chili nelle versioni A; sia nelle versioni cabinate che a pedana, è disponibile il sistema di comando elettronico Elc i cui comandi si trovano in cabina protetti da un coperchio incernierato dotato di chiusura a chiave per sicurezza.


A sinistra, comandi elettronici del sollevatore;
a destra, coperchio incernierato. Fonte: Massey Ferguson

 
"Saremo lieti di dare il benvenuto ai visitatori nel nostro stand a Fieragricola" è l'invito di Gianluca Gherardi, Massey Ferguson national sales manager Italia che promette presso lo spazio MF al padiglione 4 stand C7, un ricco team di esperti pronti a raccogliere le esigenze di ciascun cliente.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Massey Ferguson

Autore:

Tag: fiere macchine agricole fieragricola trattori vitivinicoltura

Speciale: Fieragricola 2014

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.510 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner