Vino, verso la certificazione della sostenibilità

In dirittura d'arrivo il primo progetto multi aziendale che, con la supervisione dell'Uiv e dell'Università di Milano, è iniziato un anno e mezzo fa. Guarda le videointerviste

Barbara Righini di Barbara Righini

vino-viticoltura-uva-bottiglie-bicchieri-botte-paesaggio-by-zoomteam-fotolia-750.jpeg

Il progetto ha coinvolto cinque realtà toscane: due cantine e tre aziende
Fonte foto: © ZoomTeam - Fotolia

Certificare la sostenibilità può essere una carta vincente per la promozione di una cantina o di un'azienda vinicola, sicuramente una certificazione dimostra la buona volontà da parte di chi si certifica di rispettare l'ambiente e di seguire buone prassi in cantina e in vigneto. All'ultima Fieragricola di Verona, nel padiglione Enovitis, si è tenuto il seminario 'Sostenibilità in cifre: i risultati del progetto SOS.T'.

Il progetto, con la supervisione dell'Unione italiana vini e dell'Università di Milano, limitatamente all'impronta idrica, è iniziato un anno e mezzo fa e ha coinvolto cinque realtà toscane: due cantine e tre aziende (Cantina Vini di Maremma, Cantina Pitigliano, Castello di Albola, Rocca di Montemassi, Podere San Cristoforo).

Si tratta del primo progetto multi aziendale che in Italia ha intrapreso il percorso di certificazione di sostenibilità Equalitas.
L'obiettivo, ha detto Valentina Ellero di Uiv "era quello di sviluppare una nuova coscienza e fornire strumenti alle aziende per valutare e misurare il loro impatto e il loro impegno per quanto riguarda la sostenibilità economica, ambientale e sociale".

La certificazione Equalitas infatti coinvolge non solo le buone prassi in cantina e in campo ma anche il rapporto con il territorio e la sostenibilità sociale. La certificazione si raggiunge per step e si basa su dati oggettivi e misurabili: si va dagli indici di biodiversità del suolo e dell'acqua all'impronta carbonica all'impronta idrica, per passare alle buone pratiche di lavorazione che quindi riguardano di più la sostenibilità socio-ambientale fino alla sostenibilità socio-economica, che concerne quindi il controllo di gestione e il rapporto con i dipendenti.
Lo standard Equalitas comprende anche la trasparenza dei dati che quindi vanno resi disponibili agli stakeholder.

Le aziende coinvolte nel progetto SOS.T sono ormai arrivate all'ultima fase, quella che coinvolgerà enti terzi nella verifica del lavoro fatto fino ad oggi. Gli audit dovrebbero terminare in tempo per la prossima edizione di Vinitaly. "Ci auguriamo - ha continuato Valentina Ellero - che a queste prime cinque aziende se ne aggiungano altre. Per noi è un progetto pilota che speriamo faccia strada. La certificazione porta indubbi vantaggi in termini di consapevolezza ma anche di riduzione delle inefficienze aziendali oltre a un auspicabile vantaggio competitivo in termini di marketing".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.674 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner