Quotazioni delle commodities, settimana dal 28 febbraio al 6 marzo 2011

On line, la tabella a cura di Ismea: prezzi all'origine, ingrosso e dettaglio di prodotti agroalimentari selezionati - in collaborazione con Aei, Associazione economisti d'impresa

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Ismea, Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare è un Ente economico di diritto pubblico istituito nel 1987 con l'obiettivo di diventare il punto di riferimento nazionale per la produzione, la gestione e la diffusione dell'informazione in agricoltura.

L'istituto opera oggi a supporto della competitività del settore agricolo e agroalimentare italiano, accompagnando, con i propri servizi, tutto il percorso vitale delle imprese: dalla nascita agli ampliamenti, alla conquista del mercato. 

I servizi offerti da Ismea, infatti, forniscono una risposta a tre bisogni fondamentali degli imprenditori del settore agroalimentare nell'impostare e sviluppare la propria attività:

  • la richiesta di strumenti finanziari dedicati;
  • la richiesta di nuovi strumenti assicurativi per la gestione del rischio di impresa;
  • la richiesta di servizi informativi a supporto dei processi decisionali strategici.

Settimana dal 28 febbraio al 6 marzo 2011

filiera
prodotto
origine
ingrosso 
dettaglio
lattiero-caseari
latte fresco intero
0,39
 
1,35
parmigiano reggiano (7)
11,24
 
15,82
grana padano (6)
8,73
 
12,40
carni
braciole di suino (1)
1,25
4,86
6,80
fettine di bovino adulto (2)
2,07
4,7
13,05
petto di pollo (3)
1,05
4,78
8,45
ortofrutta
lattuga
0,33
0,79
2,16
patate comuni*
0,39
0,49
1,09
pere Abate Fetel*
1,10
1,45
2,33
mele Golden Delicious*
0,55
1,06
1,52
cereali
pane (4)
0,28
0,47
2,70
pasta 500gr (5)
0,14
0,20
0,75
olio
olio extra vergine di oliva
2,96
 
5,38
vino
vino da tavola bianco (8)
0,33
 
1,40
vino da tavola rosso (8)
0,31
 
1,45
Fonte: rete di rilevazione Ismea
(Prezzi medi nazionali €/unità di misura; €/Kg, €/lt)

Note alla tabella

(1) Il prezzo all'origine è riferito all'animale vivo mentre il prezzo all'ingrosso è riferito ai lombi
(2) Il prezzo all'origine è riferito al vitellone vivo mentre il prezzo all'ingrosso è riferito alla voce "mezzene" - quarti anteriori e quarti posteriori di vitellone
(3) Il prezzo all'origine è riferito all'animale vivo, mentre il prezzo all'ingrosso è riferito al sezionato - taglio "petto"
(4) Il prezzo all'origine è riferito alla granella di frumento tenero mentre il prezzo all'ingrosso è riferito alla farina di frumento tenero
(5) Il prezzo all'origine è riferito alla granella di frumento duro mentre il prezzo all'ingrosso è riferito alla semola di frumento duro.
(6) Il prezzo del Grana Padano all'origine è riferito alla stagionatura 12/15 mesi
(7) Il prezzo all'origine del Parmigiano Reggiano è riferito alla stagionatura 12 mesi
(8) Il prezzo del vino da tavola al dettaglio è riferito a prodotto venduto in brik da 1 litro
(9) I prezzi dei prodotti ortofrutticoli segnati con l'asterisco sono franco magazzino


Quotazioni giorno per giorno

Per accedere al prezzi giornalieri rilevati dall'Ismea cliccare su: http://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/30

  1. L'agricoltore, con un click, entra nel portale Ismea dedicato ai prezzi dei cereali e delle piante industriali, dei fiori e delle piante verdi e fiorite, degli oli e delle olive, dei lattiero-caseari, della frutta e degli orataggi, dei vini, degli animali e delle carni, dei pesci e della acquacoltura.
  2. Per i future saranno indicati i prezzi o solo le tendenze in atto in < oppure in >. I due mercati di riferimento sono quello di Parigi per il grano e quello di Chicago.
  3. E' allo studio un grafico con il trend annuale (Bloomberg) 

* i future su alcune commodities verranno segnalati successivamente


La Rete di Rilevazione Prezzi Ismea

Fase origine/Ingrosso

La Rete di Rilevazione Ismea per le fasi all'origine e all'ingrosso, operante fin dal 1965, ha come obiettivo il monitoraggio dei prezzi alla produzione e delle tendenze di mercato dei prodotti agricoli, agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura.

La Rete si qualifica per la sua:

  • capillarità sul territorio: grazie ad una fitta rete di fonti informative, identificabili come "rilevatori di mercato", qualificati e ben inseriti nei circuiti commerciali;  
  • rappresentatività: con una struttura articolata sul territorio nazionale in modo da assicurare sia la copertura geografica che la rappresentatività territoriale delle produzioni agricole, agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura;  
  • qualità e affidabilità: a partire dal 2002, la Rete di Rilevazione Ismea è certificata ai sensi delle norme UNI EN ISO 9001:2000. 

Fase Dettaglio

La Rete di Rilevazione al dettaglio, realizzata da Ismea in partnership con la GDO, si basa sulla fornitura settimanale del battuto alle casse di tutti i prodotti agro-alimentari ean e no-ean per le 15 principali insegne nazionali. L'attuale campione d'indagine nazionale coinvolge 60 città del territorio nazionale.

Associazione Economisti d'Impresa

Per ulteriori informazioni: AEI - Associazione Economisti d'Impresa

Per contattare l'associazione: www.economisti-impresa.it

Clicca qui per richiedere gratuitamente "Quipu & Accademia",
il periodico economico di informazione e cultura per le imprese

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.622 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner