Grano Armando premia la qualità

Oltre novemila ettari coltivati secondo un apposito disciplinare; vantaggi per la filiera e per il consumatore

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

grano-armando-francesco-capozio-de-matteis-agroalimentare-6-mag-2015-foggia-byagncs.jpg

Francesco Capozio, De Matteis Agroalimentare, incontra i produttori durante Syngenta in Campo 2015
Fonte foto: © Agronotizie

Un progetto di filiera per garantire una pasta 100% made in Italy. Si rinnova l'appuntamento in campo con i produttori di Grano Armando, un "sogno diventato realtà" grazie al coinvolgimento di un'intera comunità di cerealicoltori, dei tecnici di Syngenta, degli stoccatori, dei ricercatori impegnati nella selezione delle migliori varietà di frumento duro, della De Matteis Agroalimentare. Presenti in 18 province italiane, gli agricoltori che aderiscono al "Patto" di Armando si sono ritrovati in campo a Foggia per la prima tappa del CerealPlus, dedicato quest'anno al focus "Gran Varietà".

"Siamo partiti con mille ettari cinque anni fa, gestiti da cento aziende agricole. Oggi abbiamo raggiunto la quota di 9.200 ettari" ha spiegato ai microfoni di AgroNotizie Francesco Capozio, responsabile acquisti materie prime per la De Matteis Agroalimentare.
"Il disciplinare Grano Armando prevede l'utilizzo di un protocollo di coltivazione che consente di analizzare il frumento dalla semina al raccolto. Utilizziamo 3 varietà: Pietrafitta, Quadrato e Marco Aurelio. Sono regolamentati il piano di concimazione, di difesa e conservazione della granella". Syngenta cura la predisposizione e il supporto all'applicazione in campo del disciplinare "fornendo assistenza tecnica sia agli stoccatori, sia ai produttori, al fine di raggiungere gli obiettivi qualitativi fissati dal protocollo".
Un vantaggio per i consumatori, che possono portare in tavola una pasta di alta qualità, italiana al 100% e per i produttori: "il contratto di coltivazione prevede una premialità in termini di prezzo per gli agricoltori che ottengono il target qualitativo richiesto. Il rispetto del disciplinare favorisce il raggiungimento dell'obiettivo fissato in termini di contenuto proteico. È inoltre fissato un prezzo minimo garantito qualora il prezzo di mercato dovesse essere più basso di valori prefissati" ha concluso Capozio.

Tutti i dettagli, nell'intervista:
(l'articolo continua dopo il video)


Mentre in campo vengono presentate le novità relative a genetica e protezione delle colture, a Milano apre il primo temporary-store “La Pasta di Armando”, uno spazio caratteristico dedicato alla degustazione di Grano Armando in abbinamento ai vini delle migliori cantine d’Irpinia; "un’occasione unica per far incontrare ad un vasto pubblico di consumatori ed appassionati il gusto, la qualità e i valori del brand. È in Corso Garibaldi 117, zona centralissima di Milano che diverrà crocevia di un pubblico internazionale grazie all’Esposizione universale e ai milioni di visitatori attesi da tutto il mondo".

Grano Armando è uno degli esempi dell'applicazione dell'iniziativa "The Good Growth Plan" (visita la pagina apposita per saperne di più).

Fotogallery