Enovitis 2009, un antidoto alla crisi

Giro di interviste tra gli espositori che parteciperanno alla manifestazione in programma a Milano dal 24 al 29 novembre 2009

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

enovitis-2009-viticoltura-olivicoltura.jpg

Enovitis 2009

Nell'attività di ogni azienda ci sono momenti in cui può essere particolarmente strategico concentrare in un unico momento, senza disperdere risorse in termini finanziari e di tempo, una serie di attività fondamentali per sviluppare il proprio business. Ovvero incontrare il proprio target clienti, presentare dal vivo le ultime novità testimoniando il costante investimento in ricerca&sviluppo, aprire nuovi canali con mercati vicini ma anche molto lontani geograficamente, migliorare il proprio know how, beneficiando di qualificati momenti di approfondimento tecnico. Una fiera specializzata e fortemente orientata all'internazionalità è la risposta a tutte queste esigenze.
E lo è a maggior ragione in un momento di difficoltà di mercato quale quello attuale, soprattutto per quanto riguarda aziende di piccole e medie dimensioni. Insomma, se crisi c'è, un antidoto possibile è proprio quello di continuare a investire nel futuro: segnale di buona salute di un'azienda, messaggio al mercato e nei confronti del mercato di ottimismo e di fiducia.
E' questo, in sintesi, quanto è emerso da una inchiesta che Enovitis, Salone internazionale delle tecniche per la viticoltura e l'olivicoltura ha condotto per capire quale il ruolo oggi di una fiera specializzata e, in particolare, le aspettative che le aziende espositrici hanno per il prossimo novembre. Protagoniste in questo giro di interviste alcune importanti aziende, che hanno accordato la loro fiducia alla manifestazione, nonostante la crisi o soprattutto per contrastare la crisi. A loro, dunque la parola.

Stefania De Pirro - Netafim

"Una fiera specializzata consente di presentare nuove linee innovative, è un momento per approfondimenti attraverso workshop, convegni e incontri e di contatto diretto con esponenti istituzionali e con il mercato per condividere necessità e opportunità. Naturalmente a tutto questo si aggiunge l'opportunità di acquisire nuovi clienti. In particolare il valore aggiunto di Enovitis è sempre stato il contatto con un pubblico qualificato e specialistico e un ritorno di immagine".

Massimo Gramegna - Gramegna
"Soprattutto in momenti difficili la possibilità di contattare operatori direttamente interessati nell'ambito di fiere specializzate permetta alle aziende di non disperdere le proprie risorse di denaro e di tempo. Enovitis, ad esempio, nell'ultima edizione ci ha permesso di contattare un importante operatore della Romania e quindi di introdurci in un nuovo mercato, oltre ad ampliare contatti in zone italiane dove ancora i nostri prodotti non erano conosciuti. Saremo ad Enovitis anche quest'anno perché ci aspettiamo di contattare altri operatori interessati e magari aprire nuovi mercati esteri".

Elena Artuso - Valente Pali

"Anche in momenti di criticità di mercato, è fondamentale partecipare a questi eventi perché, soprattutto quando si è leader di mercato, è un modo di dimostrare la buona salute della propria azienda. Inoltre, le fiere specializzate sono fondamentali rispetto ad altre forme di comunicazione per instaurare un contatto diretto con nuovi potenziali clienti, che sempre in momenti di difficoltà sui mercati sono un obiettivo prioritario da porsi e raggiungere. Per tutti questi motivi confidiamo in Enovitis 2009, perché è una manifestazione riconosciuta come fiera importante e di valore, in cui esserci per la nostra filiera".

Vanni Ferrari - Same
"La presenza e partecipazione a una fiera al di là del periodo storico in cui si colloca, che può essere di recessione o di boom, ha un suo valore in sé, che è quello di un incontro diretto tra domanda e offerta, sia per incentivare le vendite, ma anche per capire, avere un feed back dal cliente. Soprattutto nel nostro caso che siamo un'azienda che vende tramite concessionari. In fiera possiamo infatti capire le impressioni, le esigenze degli utilizzatori finali per una migliore programmazione produttiva. Per quanto riguarda Enovitis è una fiera che ci ha sempre offerto una presenza importante e costante di visitatori specializzati, quindi interessati. E' questo è molto importante".

Stefano Martignani - Martignani
"Enovitis ci consente di proporre, a un target specializzato quale quello dei produttori vitivinicoli, a cadenza biennale, tutti gli aggiornamenti e/o novità disponibili sul mercato. E oggi c'è una grande richiesta di macchine sempre più moderne e innovative in grado di combinare l'uso o distribuzione ragionata di prodotti per la protezione delle piante ma allo stesso tempo preservando l'ambiente e la salute dell'uomo. Pur trovandoci ora in un momento critico per l'economia mondiale restiamo fiduciosi che l'appuntamento anche quest'anno rappresenterà un punto di riferimento fondamentale per chi vorrà o dovrà comunque investire in nuove e più moderne tecnologie per la filiera enoviticola".

Fabio Ariotti - Leica

"Per il nostro settore avere una fiera specializzata come Enovitis rappresenta un'opportunità decisamente molto positiva, perché solo in una fiera specializzata si incontrano persone interessate. Per noi è il primo anno dopo le esperienze positive che abbiamo avuto con Enovitis in campo, e che hanno dimostrato come ci sia veramente molto interesse da parte del mondo agricolo nei confronti dei nostri prodotti, ovvero sistemi guida satellitari montati sulle macchine pianta viti. Nel settore agricolo la ricerca di tecnologia è elevatissima e pensiamo che sarà un'ottima opportunità per contattare clienti, fornitori, produttori interessati alla nostra applicazioni. Soprattutto all'estero".

Simone Truant - Morisson Couderc
"La nostra azienda partecipa a numerose fiere specializzate ogni anno e in diversi Paesi vitivinicoli; quella di Milano rappresenta per noi una delle più importanti manifestazioni internazionali con un particolare valore strategico soprattutto per il mercato italiano ed i Paesi limitrofi dell'Est. La concomitanza con Simei rende Enovitis ancor più attrattiva, per un pubblico vasto ed esigente, dal piccolo viticoltore ai grossi gruppi vinicoli".
 

Fonte: Enovitis

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.776 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner