Lotta al crimine: in tutta Europa sequestrate 550 tonnellate di prodotti fitosanitari contraffatti

Un comunicato stampa di Europol annuncia i risultati dell'operazione "Silver Axe"

bandiera-europea-europa-by-andrey-kuzmin-fotolia-750.jpeg

L'Europol annuncia il sequestro di 550 tonnellate di agrofarmaci illegali in Europa
Fonte foto: © Andrey Kuzmin - Fotolia

Nella presentazione dei risultati della quarta edizione dell'operazione "Silver Axe", Europol, l'agenzia europea incaricata dell'applicazione delle leggi, ha stimato che con le 550 tonnellate sequestrate nel 2019 in 29 paesi (tra cui l'Italia) sarebbe stato possibile trattare 49mila kmq, pari alla superficie dell'Estonia.

A parte le consuete forzature comunicative (nel conteggio si ipotizza che la dose media di impiego sia poco più di 100 grammi per ettaro – hanno sequestrato solo solfoniluree?), il fenomeno della contraffazione dei prodotti fitosanitari è da tempo nel mirino delle autorità che hanno intensificato i controlli alle frontiere (porti, aeroporti e confini di stato) e anche presso stabilimenti di produzione e confezionamento nei paesi interessati dall'operazione. Il fenomeno interessa tutta Europa e non solo: i sequestri sono stati infatti effettuati in Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Ucraina e Regno Unito.

Nelle quattro operazioni condotte sinora, "L'ascia d'argento" (Silver Axe) ha condotto al sequestro di un totale di oltre 1.222 tonnellate di agrofarmaci contraffatti, evidenziando una tendenza all'aumento (quasi metà del totale è stata sequestrata nell'ultimo anno).

Le irregolarità riscontrate riguardavano principalmente prodotti di dubbia provenienza "travestiti" da formulati regolarmente autorizzati che, una volta immessi sul mercato, come minimo avrebbero causato un notevole danno commerciale ai titolari di prodotti "in regola" e ai loro utilizzatori (ricordiamo che utilizzare prodotti non registrati – quali sono quelli contraffatti – è punito con sanzioni salate) e probabilmente sarebbero stati anche un pericolo tossicologico e ambientale per via della loro composizione non validata dalle autorità.

L'operazione è stata condotta con la collaborazione delle autorità locali e di 34 aziende private del settore e si è avvalsa anche del supporto dell'Olaf (Ufficio europeo anti frode) che ha fornito informazioni su 120 "carichi sospetti" spediti verso la Ue.
 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.306 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner