Fendt scende in campo con le novità 2014

Restyling delle famose serie 800 e 900 Vario, accompagnato dalle nuove Katana 50 e 85. Tutte da scoprire le proposte per la prossima edizione di Agritechnica

Michela Lugli di Michela Lugli

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

nuovo-939-vario1.jpg

Nuovo 939 Vario di Fendt
Fonte foto: Agronotizie

Il 2012 per Fendt, è stato sinonimo d'impegno nella rivisitazione delle motorizzazioni in vista della dead line di gennaio 2014 quando entrerà in vigore lo step Tier IV Final per quanto riguarda la normativa europea sulle emissioni di inquinanti gassosi e particolato.
Un impegno che, ha spiegato il management in occasione della conferenza stampa internazionale Agco Fendt dello scorso 8 ottobre, oltre a rappresentare una grande sfida, ha assorbito metà del budget destinato alla ricerca e sviluppo.
Da questo impegno, sono nate le nuove serie 800 e 900 Vario, completamente rivisitate e, soprattutto, pronte ad affrontare la fase finale del percorso di adeguamento dei motori ai limiti di inquinamento stabiliti dalla normativa.

Nuove serie Fendt 800 e 900 Vario
Le nuove motorizzazioni vanno a braccetto con le numerose migliorie apportate alle alte potenze Fendt 900 Vario e 800 Vario.
"Dopo aver valutato tre possibili strade per affrontare la fase IV, quindi un sistema Scr con filtro antiparticolato passivo Csf, un filtro attivo con Scr e il solo sistema Scr - ha spiegato Heribert Reiter, Vice president tractor global management research and development -,  abbiamo individuato nella prima opzione la nostra strada. Il ricircolo esterno dei gas AGRex, la doppia sovralimentazione e il sistema Scr con filtro Coated soft filter - Csf passivo, ci ha permesso di ridurre il consumo di carburante, di AdBlue e i costi di manutenzione".



Nuovo 828 Vario di Fendt

Migliorato, dunque, il sistema Scr nel nuovo motore sei cilindri dotato di due turbocompressori di diversa grandezza, comandati in serie, e un intercooler intermedio per una migliore combustione.
E'parte delle migliorie anche il sistema idraulico ora dotato di nuova pompa a portata variabile in grado di generare solo la pressione necessaria all'impianto. Disponibile, inoltre, la nuova presa idraulica modulare ad attacco piatto premiata con la medaglia d'argento ad Agritechnica 2013 'rubata' all'automotive e ottimizzata per le funzioni del trattore. 


Nuova presa idraulica ad attacco piatto

Un sistema "ecologico, energeticamente efficiente ma capace di offrire il massimo comfort nelle operazioni di aggancio e sgancio - ha dichiarato Jurgen Knobloch responsabile dello sviluppo idraulico in Fendt - grazie al quale si evitano perdite d'olio e di conseguenza di pressione".
Di facile pulizia, allunga i tempi di sostituzione del filtro e gli inserti d'attacco, in parte disassemblabili, ne facilitano la manutenzione.
Il nuovo sistema, agganciabile su entrambi i lati sotto pressione, mantiene la codifica a colori dei collegamenti; per un passaggio graduale tra i due sistemi, sono disponibili prese da mezzo pollice, tre quarti di pollice e le nuove cinque ottavi di pollice a tenuta piatta.
Nuova anche la scatola interna del cambio Vario rinforzata, che troviamo a partire dal 933 Vario, e un nuovo cuscinetto a rulli cilindrici della pompa idraulica. Rinnovati anche il tergicristallo anteriore con angolo di lavaggio completo e il cofano motore con serratura e angolo di apertura più ampio.

Nuovo 900 Vario

Il 900 Vario dispone di serie del sistema VarioGrip - medaglia d'argento Agritechnica 2011 - ora ottimizzato e funzionale alla regolazione, dalla cabina, della pressione di gonfiaggio dei pneumatici. 
Il nuovo sistema d'illuminazione, infine, che rimane attivo per un breve periodo dopo lo spegnimento del trattore, dispone di fari Bi-LED mentre il terminale Variotronic 10.4-B con touch tecnhology, ha nuove funzioni, esteticamente è simile ad uno smartphone e dispone di retroilluminazione a Led.

Nuove Katana 50 e 85
Rinnovata anche la Katana 65 che, dopo il successo sul mercato tedesco dove, nel segmento dei 650 cavalli, ha da subito conquistato una quota di mercato prossima al 10 per cento, farà del suo meglio anche sui mercati francese, italiano e inglese nei quali è disponibile, supportata dal lancio, ad Agritechnica 2013, di due nuovi modelli di potenza inferiore e superiore.
La sorella minore Katana 50, in tutto simile alla versione 65, eroga una potenza di 510 cavalli; la seconda nuova arrivata, la Katana 85, anch'essa sviluppata sulla base della versione 65, monta un motore 12 cilindri MTU Mercedes da 21 litri in grado di erogare una potenza di 850 cavalli ed è equipaggiata con un radiatore più grande dotato di maggiore capacità di raffreddamento.


Nuova Fendt Katana 85

Anche in questo caso,  il tamburo di taglio è caratterizzato dall'ampio diametro di 720 millimetri e la macchina può contare sul lavoro del V-Cracker con dischi a V sostituibili singolarmente. I pneumatici sono più grandi di quelli presenti sulla Katana 65 e le versioni del serbatoio sono due: 1500 litri esclusivamente per gasolio oppure, a due camere una da 1250 litri per il carburante e l'altra, da 250 litri per l'acqua da aggiungere all'additivo per insilato.
La produzione di Katana 85 sarà avviata a marzo 2014 e sarà disponibile in quantità limitate per la stagione 2014.

Rimanendo nel settore macchine da raccolta, non arriveranno sul mercato italiano le nuove mietitrebbie serie X e P prodotte nello stabilimento di Breganze.
Con un'offerta che copre un range di potenze da 180 a 500 cavalli in versione con scuotipaglia o ibrida, Fendt  propone ad Agritechnica le mietitrebbie motorizzate Tier 4Final con sistema Scr serie X modello 9490 X/AL da 496 cavalli e serie P nelle versioni 8380 P/AL da 379 cavalli e 8410P/AL da 404 cavalli.


Nuova mietitrebbia 9490X. Fonte: Fendt

Variotonic, strategia monoterminale
Il sistema di controllo Variotronic, un concetto non nuovo, viene ora ampliato nell'ottica sempre più ottimizzata di un terminale unico. Parte della strategia Fuse di Agco, è ora di serie sui trattori dal 500 al 900 Vario, sulle trince Katana 65 e 85  e sulle mietitrebbie serie C, P e X. Tutte le funzioni quali ad esempio la guida parallela, le regolazioni e la documentazione, possono essere ora comandate da un unico terminale.
Per i trattori, è stata aggiunta l'attivazione automatica delle larghezze parziali SelectionContol funzionale alla riduzione delle sovrapposizioni, il sistema telemetrico AGCOmmand e la versione Light di VarioGuide disponibile ora anche per Katana 65 così come il sistema di documentazione VarioDoc. Per quanto riguarda le nuove serie P e X di mietitrebbie, sono a disposizione i sistemi VarioGuide e VarioDoc Pro per la mappatura delle rese.

Fendt X Concept
Un futuro, forse prossimo, quello intrapreso da Fendt nel 2001 e presentato oggi sul campo con il 722 Vario X Concept munito, in aggiunta ai collegamenti idraulici e alla Pdp, di un'interfaccia elettrica ad alto voltaggio integrata all'albero motore capace di mettere a disposizione fino a 130 chilowatt di potenza elettrica utilizzabile per l'azionamento di attrezzi a gestione elettronica con controllo Isobus.



722 Vario X Concept

Si tratta, per ora, di un veicolo sperimentale equipaggiato con motore Fase 3B/Tier 4 Interim a 4 cilindri idoneo all'installazione dei componenti necessari alla tecnologia elettrica tra cui l'alternatore, le elettroniche di potenza, il cablaggio e gli speciali scambiatori di calore.
"Per la distribuzione sul mercato della X Concept - ha spiegato Jurgen Knobloch - il know how e la tecnologia ci sono ma sono ancora troppo alti i costi delle componenti elettriche. Un obiettivo che dobbiamo raggiungere - ha concluso - è la messa a punto di una presa standardizzata".


Presa elettrica del 722 Vario X Concept

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.916 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner