Calcolo delle emissioni di gas serra nella filiera vitivinicola

Convegno internazionale. Venerdì 9 aprile 2010. Sala Rossini - Centro Congressi Veronafiere. Vinitaly 2010

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vigneto.jpg

Il cambiamento climatico è una vera e propria emergenza per il Pianeta. Un'emergenza da affrontare limitando tutte le emissioni di gas serra prodotte dalle attività umane.

Non sfuggono a questo imperativo le produzioni agroalimentari tra cui quelle viticolo enologiche.

Il mondo vitivinicolo internazionale sta dimostrando una particolare sensibilità al tema, testimoniata dalla messa a punto di sistemi per valutare l’impronta carbonica della filiera e dalla loro adozione a livello territoriale e aziendale. Per fare dei nomi, ecco qualche zona di produzione: Champagne, Bordeaux e Borgogna in Francia;  Langhorne Creek Wine Grape Growers e McLaren Valley in Australia; e qualche brand Constellation, Pernod Ricard, Laurent Perrier Gallo, Sonora Wine Company, Lvmh (Moet&Chandon, Dom Perignon, Ruinart, Veuve Cliquot, Hennessy). 

Un’attenzione all’impatto ambientale che si traduce non solo in una razionalizzazione del processo produttivo, ma si configura come vera e propria nuova leva di marketing. 

A dimostrarlo l’interesse di numerosi grandi gruppi di distribuzione e commercializzazione tra cui Tesco, Carrefour, Leclerc e Casinò, che hanno espresso l’intenzione di lanciare campagne di valorizzazione dei prodotti che possono dichiarare  il loro livello di emissioni.

Nel convegno internazionale 'Calcolo delle emissioni di gas serra, nuova leva di marketing per la filiera vitivinicola', una prima assoluta per l’Italia sull’argomento, saranno illustrati  l’importanza tecnica, economica e sociale della conoscenza dell’impronta carbonica, i sistemi di valutazione messi a punto finora nel mondo anglosassone, in Francia e  l’unica esperienza italiana, oltre che la posizione dell’Oiv sull’armonizzazione del bilancio del carbonio. Inoltre, verrà presentata la case history dell’Associazione Grandi Cru dell’Umbria circa l’accesso a finanziamenti per la realizzazione di attività  strategiche e utili allo sviluppo tecnico e di immagine di un territorio viticolo grazie alla  valutazione dell’impronta carbonica.

L'evento si terrà venerdì 9 aprile 2010 alle ore 10, Centro congressi Arena 'Sala Rossini, nell'ambito di Vinitaly 2010 (Veronafiere,  8/12 aprile 2010).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.681 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner