Difesa delle colture tipiche, il caso del basilico

Una strategia a supporto della ricerca, avviata in territorio ligure ha contribuito allo sviluppo di soluzioni per il contenimento della peronospora

Contenuto promosso da Syngenta Italia
Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

cersaa-peronospora-basilico-foglia-erbe-fresche-1-108-0850_IMG.jpg

Peronospora su basilico
Fonte foto: CeRSAA - Azienda speciale della CCIAA di Savona

A partire dall'estate del 2003 il basilico, la tipica coltura ligure a denominazione di origine protetta che nella regione offre lavoro ad un centinaio di imprese, è stato oggetto di gravi attacchi di peronospora. Il fungo si è rapidamente diffuso nel 2004 in Liguria, e si esteso su tutte le coltivazioni di basilico italiane e del sud della Francia, causando perdite di produzione prossime al 100%. Non vi erano infatti mezzi di difesa particolarmente efficaci per il contenimento degli attacchi.

Da subito, sotto la guida dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Liguria, le organizzazioni professionali agricole, l'Università di Torino ed in particolare il Centro Regionale di Sperimentazione e Assistenza Agricola di Albenga (Cersaa) hanno iniziato a lavorare insieme per risolvere il problema.

'La strategia adottata da questo gruppo di lavoro,' spiega l'Assessore Cassini in un comunicato rilasciato a inizio anno 'è stata quella di promuovere e sviluppare un progetto mirato all'introduzione di nuovi agrofarmaci, per attuare un'adeguata strategia di prevenzione e di difesa contro il suddetto fungo ed altre fitopatie chiave del basilico. Il progetto è stato cofinanziato dal mio Assessorato per un importo di 48 mila euro, e con un contributo da parte del Cersaa di 13 mila euro.'

Come primo importante risultato per basilicoltori liguri è stata ottenuta l'autorizzazione all'estensione di etichetta del prodotto antiperonosporico Ridomil Gold R (Metalaxyl M + rame ossicloruro) altamente efficace e già autorizzato su colture simili al basilico (ad esempio, lattuga) nel 2006, e la registrazione definitiva nel 2007. Nel 2007 è stata ottenuta inoltre l'autorizzazione per l'uso sempre sul basilico di Ortiva.

'Inoltre ho promosso in materia' evidenzia Cassini nel comunicato 'una iniziativa a livello nazionale, coinvolgendo il ministero delle Politiche agricole e tutte le Regioni, volta a realizzare iniziative a difesa delle principali colture di interesse regionale, per ottenere l'autorizzazione all'uso di altri agrofarmaci a basso impatto ambientale e sicuri dal punto di vista della salute del consumatore'.

 

L'articolo continua sotto l'immagine

Cersaa - raccolta basilico

Fra le nuove sostanze attive disponibili per la protezione del basilico vi è il Mandipropamid, disponibile nel preparato commerciale Pergado R Pack

La disponibilità di diverse molecole è fondamentale. Il basilico è caratterizzato da cicli piuttosto brevi (20-60 giorni) e possono essere ripetuti sullo stesso appezzamento numerose volte nel corso della stagione. Per la loro difesa è importante l'efficacia intrinseca dei prodotti, ma anche prestare attenzione all'alternanza di sostanze attive nel corso dei vari cicli, al numero massimo di trattamenti autorizzati per anno e agli intervalli di sicurezza. 

 

Approfondimenti: Mandipropamid - formulati commerciali

Pergado R Pack è una combinazione di Pergado SC e Coprantol WG.Cersaa - campi basilico

Pergado SC è il nuovo fungicida antiperonosporico per colture orticole (nonché vite) a base di Mandipropamid, sostanza attiva appartenente alla famiglia delle mandelammidi. Mandipropamid è altamente efficace nei confronti degli Oomiceti fogliari, verso i quali agisce inibendo la germinazione delle zoospore, la crescita del micelio e la sporulazione. Mandipropamid è dotata di una duplice attività, di contatto e citotropica-translaminare, e presenta un'elevata affinità per le cere di foglie e frutti: questa caratteristica conferisce a Pergado SC un'elevata resistenza al dilavamento dopo che il prodotto si è asciugato sulla superficie vegetale.

La combinazione di Pergado SC con Coprantol WG fa di Pergado R Pack un prodotto molto versatile durante l'intero ciclo colturale delle colture autorizzate. La formulazione liquida di alta qualità di Pergado SC e la formulazione in granuli idrodisperdibili di Coprantol WG rendono Pergado R Pack facile da dosare e sicuro per l'operatore.

Su erbe fresche (fra le quali il Basilico) gli intervalli di sicurezza sono pari a 7 gg per Pergado SC e 20 gg per Coprantol WG.

 

Le foto sono state realizzate dal CeRSAA - Centro Regionale di Sperimentazione e Assistenza Agricola - Azienda Speciale della Camera di commercio industria artigianato agricoltura di Savona

Fonte: Agronotizie