Vino, le tendenze a Vinitaly 2020

Dal 19 al 22 aprile prossimi la 54° edizione della kermesse veronese sempre più smart e globale. Veronafiere guarda all'estero con le manifestazioni internazionali come Wine to Asia

vinitaly-mantovani-danese-fonte-veronafiere-20191010.jpg

Da sinistra: Giovanni Mantovani e Maurizio Danese, rispettivamente il direttore generale e il presidente di Veronafiere

Il prossimo Vinitaly (dal 19 al 22 aprile 2020) proseguirà nello sviluppo delle proprie direttrici - digitaleglobaleeducativa - aggiungendo nuove caselle a un mosaico che anche nel 2020 supererà se stesso, forte del gradimento complessivo al 95,1% dell'ultima edizione (fonte: customer satisfaction 2019, rilevazione indipendente) e con la nuova impostazione 4.0. Il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese, in occasione di un incontro con gli stakeholder di Vinitaly, ieri 9 ottobre 2019, a Milano, ha dichiarato: "Al netto di accorpamenti e uscite dal mercato, negli ultimi cinque anni Vinitaly ha visto immutati il 95% dei suoi espositori. Un'alta fedeltà, unica nel panorama fieristico internazionale, che rappresenta il miglior biglietto da visita per una manifestazione che non cambia i propri protagonisti ma punta a renderli sempre più smart e globali". 

"Anche il prossimo anno il mondo del vino sarà da noi e noi saremo nel mondo ha detto il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani –; lo faremo nella consapevolezza di poter contribuire alla crescita del business anche con nuove forme di linguaggio e di racconto multitarget. Vinitaly sarà inoltre sempre più incubatore di tendenze attraverso la rappresentazione fisica e virtuale dei trend emergenti nel panorama del vino made in Italy". Da qui la crescita prevista per la 54° edizione della manifestazione veronese dell'area Organic hall, l'ingresso degli Orange wine, la crescita della presenza di nuovi produttori esteri (Centro ed Est Europa, area Balcani), ma anche il nuovo spazio curato da Ian D'Agata Micromega wine, dedicato ad aziende con piccole produzioni a varietà indigena ad alto tasso qualitativo. Ad attraversare trasversalmente le tendenze del vino penserà poi anche la tecnologia: grazie all'indicizzazione di tutti i dati anche con tecniche ugc (user generated content) della Vinitaly directory, sarà possibile effettuare percorsi tematici attraverso un'app a portata di smartphone, il device più utilizzato per le info dagli operatori in fiera (60% dei casi).

Confermata anche l'Enoteca bio e Vinitaly Design, mentre ulteriori novità arriveranno da Enolitech, lo storico salone internazionale sulle tecnologie per la produzione che grazie all'interlocuzione con le imprese ha definito un percorso strutturato di presenza anche alle principali iniziative estere di Vinitaly, oltre a un prologo contenutistico previsto a Fieragricola.

Sul fronte commerciale, per il 2020 si annuncia infine un nuovo record dopo i primati registrati lo scorso anno (4.692 espositori in oltre 100mila mq netti e 33mila buyer esteri). Il punto più esaustivo sulla partecipazione, anche estera, sarà fatto al prossimo a wine2wine a Verona il 25 e 26 novembre. Al business forum targato Vinitaly, focus sulla sostenibilità sociale e sui mercati della domanda, su blockchain e innovazione digitale, ma anche l'annuncio di Wine Spectator dei cento produttori italiani protagonisti a OperaWine 2020.

Lavori in corso, inoltre, per Vinitaly and the City e le sue contaminazioni tra vino, arte, musica e spettacolo pensate per i winelover a Verona e in provincia (80mila presenze lo scorso anno).
 

Le nuove fiere in Sudamerica e Cina

Vinitaly punta sulle sue nuove manifestazioni fieristiche internazionali, oltre che sulle diverse tappe estere in programma nel 2020. Obiettivo, crescere ancora con Wine South America, che ha visto la sua recente ultima edizione chiudere in aumento del 30% dei partecipanti internazionali, con più di 300 aziende espositrici da tredici paesi e 6.600 operatori professionali da 21 nazioni.

In Asia è già notevole l'interesse dimostrato per l'esordio di Wine to Asia a Shenzhen (9-11 novembre del prossimo anno), considerata la Silicon Valley del Dragone e piazza strategica per il business del vino, con il 30% degli importatori totali cinesi e città chiave della Guangdong-Hong Kong-Macao Greater Bay Area, che conta oltre 100 milioni di persone. Qui, per il lancio del nuovo salone realizzato in partnership con il socio cinese Pacco Communication Group, Veronafiere prevede la presenza di 400 espositori su una superficie di 40mila mq lordi. L'evento b2b si configura fin da subito con un respiro internazionale, con una presenza di aziende italiane, europee ma anche dalla Cina e dal Nuovo Mondo. E con la partecipazione delle principali imprese delle tecnologie protagoniste a Enolitech. Complessivamente, il viaggio attorno al mondo del food & wine di Veronafiere nel 2020 sarà lungo oltre 113mila chilometri (e ritorno). Stati Uniti, Russia, Cina, Brasile, Hong Kong, ThailandiaOlanda, Canada, Polonia, Germania, Messico, Regno Unito sono le tappe in calendario.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.679 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner