Italian wine brands: primo gruppo vinicolo a quotarsi in Borsa

Avvio delle negoziazioni delle azioni ordinarie e dei warrant italian wine brands sull'Aim Italia/Mercato Alternativo del Capitale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

strocchi-simone-vicepresidente-iwb.jpg

Simone Strocchi, vicepresidente Iwb

Italian wine brands Spa (Iwb) comunica che in data odierna sono iniziate le negoziazioni delle azioni ordinarie e dei warrant della Società sul sistema multilaterale di negoziazione Aim Italia/Mercato Alternativo del Capitale, organizzato e gestito da Borsa italiana Spa. Il prezzo di apertura è stato pari a euro 10,92, riportando una variazione a rialzo pari a + 9,62%, per chiudere poi la negoziazione giornaliera ad euro 10,81.

Il warrant italian wine brands (Wiwb) ha invece aperto ad un prezzo di euro 1,20 chiudendo ad euro 1,40. Nella prima giornata il titolo ha scambiato complessivamente n. 132.450 azioni per un controvalore complessivo di circa euro 1,5M, raggiungendo un prezzo massimo di euro 12,10 per azione, e n. 54.210 warrant, raggiungendo un prezzo massimo di euro 1,40 per warrant.

Il Gruppo Iwb è un operatore di riferimento nella produzione e distribuzione di vini. L’attività del Gruppo Iwb è articolata in due differenti linee di business:
• il Segmento Giordano che comprende le attività relative alla produzione e distribuzione di vini e, in misura minore, alla commercializzazione di altri prodotti alimentari, principalmente attraverso il canale della vendita a distanza direttamente ai clienti finali e in misura residuale attraverso il canale export, gestito dalla società controllata Giordano Vini Spa;
• il Segmento Provinco che comprende le attività relative alla produzione e distribuzione di vini sui mercati internazionali per la grande distribuzione organizzata internazionale, gestito dalla società controllata Provinco Italia Spa.

L’ingresso di Italian wine brands in Borsa Italiana è avvenuto a seguito dell’esecuzione dell’operazione promossa da Ipo challenger Spa (evoluzione della Spac) ideata da Electa Italia Srl e guidata da Simone Strocchi, Luca Giacometti e Angela Oggionni (già promotori della prima Spac di diritto italiano made in Italy 1, che ha realizzato l’operazione di successo SeSa Spa).

Ubi Banca, Società cooperativa per azioni agisce in qualità di Nomad e Intermonte Sim Spa in qualità di specialista. Kpmg Spa è la società di revisione. Lo Studio Legale d’Urso, Gatti e Bianchi agisce in qualità di advisor legale.

Il Documento di ammissione è disponibile nella sezione Aim Italia del sito internet della società www.italianwinebrands.it.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.436 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner