Sistri: esonerate le imprese agricole con meno di dieci dipendenti

Soddisfatto Agrinsieme: "Risultato di grande importanza". Il presidente di Confai, Leonardo Bolis, chiede di estendere la semplificazione anche alle imprese agromeccaniche

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agricoltura-lavoro-agricolo-agricoltore-trattore-macchine-agricole-contoterzismo-agromeccanici-campo-campi-by-antbphotos-fotolia-750x500.jpg

Emanato il primo decreto attuativo delle disposizioni sul Sistri
Fonte foto: © antbphotos - Fotolia

E’ stato emanato il primo decreto attuativo delle disposizioni sul Sistri, introdotte dal Dl 101/2013, convertito nella Legge 125/13; Agrinsieme (il coordinamento tra Cia, Confagricoltura e Alleanza delle Cooperative) esprime soddisfazione per le decisioni assunte dal ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, sulla semplificazione degli adempimenti, tenendo conto delle peculiarità del settore agricolo. “È un risultato di grande importanza - ha commentato Agrinsieme - che mette in evidenza l'attenzione del ministro, il cui lavoro ha consentito il raggiungimento di questo risultato”.

L’aver escluso dal Sistri i produttori di rifiuti pericolosi derivanti da attività agricole e agroindustriali con meno di dieci dipendenti e (indipendentemente dal numero dei dipendenti) gli enti e le imprese di cui all’art. 2135 del Codice civile che conferiscono i propri rifiuti nell’ambito dei circuiti organizzati di raccolta, è un segnale – ha osservato  Agrinsieme - fortemente positivoSi permette così - ha concluso il coordinamento - di proseguire, da una parte nel percorso di semplificazione nella gestione dei rifiuti e, dall’altra, di valorizzare i sistemi virtuosi esistenti, legati al concetto dei circuiti organizzati di raccolta. Il settore agricolo non si esime dalla tracciabilità dei rifiuti, ma ha necessità che la stessa sia adattata alle esigenze operative dell’attività”.

Il presidente della Confederazione agromeccanici e agricoltori italiani, Leonardo Bolis, ha inviato una lettera al ministero dell’Ambiente, affinché le imprese di meccanizzazione agricola siano equiparate a quelle agricole sottolineando la necessità di "Estendere la semplificazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti Sistri, applicata alle imprese agricole, anche a quelle agromeccaniche".

"Anche perché -
ha dichiarato Bolis -, molto spesso, i rifiuti prodotti sono del tutto identici, dai fitosanitari agli oli esausti dei trattori. Un’applicazione diversa della norma di cui ieri è stato emanato il primo decreto attuativo sarebbe palesemente contraria al principio di equità sancito dalla Costituzione".

"L’attività agromeccanica è classificata come agricola – afferma Enzo Cattaneo -, segretario alla presidenza di Confai – motivazione per cui non possono non essere riconosciute anche ai contoterzisti agrari le semplificazioni previste per le imprese agricole”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.932 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner