Agrumi, cinque carichi provenienti dal Sudafrica contaminati dalla "macchia nera"

Il Copa-Cogeca esorta la Commissione europea a sospendere le importazioni

Isabella Sanchi di Isabella Sanchi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

arance-limoni-arancia-limone-agrumi-fonte-morguefile-solracgi2nd.jpg

Il segretario generale del Copa-Cogeca, Pesonen, ha dichiarato: 'Al momento questa malattia non è presente nell'Ue'
Fonte foto: © solrac_gi_2nd - Morguefile

Scoperti alle frontiere cinque carichi di agrumi contaminati dalla malattia della macchia nera provenienti dal Sudafrica. Il Copa-Cogeca ha esortato la Commissione europea a sospendere le importazioni di agrumi provenienti dal Sudafrica per evitare la diffusione dell'altamente contagiosa malattia della macchia nera.

Pekka Pesonen, segretario generale del Copa-Cogeca, ha dichiarato: “Al momento questa malattia non è presente nell'Ue. La Commissione europea ha più volte invitato le autorità sudafricane a prendere delle misure per prevenire la propagazione della malattia in Europa, dopo l'avvertimento lanciato dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare, Efsa, in relazione all'elevato rischio di contaminazione. Ora cinque carichi di agrumi contaminati da questa malattia sono stati bloccati alle frontiere e la Commissione aveva promesso che se ciò si fosse verificato avrebbe preso seri provvedimenti. Per questo motivo, ho inviato una lettera alla Commissione per chiedere l'immediata sospensione delle importazioni nell'Ue finché la malattia non sarà eradicata. Non possiamo aspettare fino alla prossima valutazione d'impatto per intervenire. Dobbiamo proteggere il settore europeo contro l'introduzione della malattia della macchia nera poiché per il momento non esiste alcuna misura in controllo".

Pesonen ha poi aggiunto: "Il settore fornisce prodotti nutrienti e di alta qualità a 500 milioni di consumatori europei e garantisce l'occupazione di milioni di persone nelle zone rurali dell'Ue, in particolare nei Paesi del Sud. Non possiamo correre il rischio di importare questa malattia. L'impatto sarebbe catastrofico per gli agrumicoltori europei, soprattutto in un momento in cui i Paesi del Sud sono già fortemente colpiti da una grave crisi economica".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Autore:

Tag: agrumi unione europea

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 213.967 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner