Anche l’olivo si difende con mancozeb

Diversi sono i formulati commerciali a base di mancozeb targato Indofil, utilizzabili anche su olivo contro le sue più comuni patologie

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

indofil-mancozeb-olivo.jpg

I formulati di Indofil a base di mancozeb sono applicabili anche su olivo

Ulivi sani e oli di qualità. Un’equazione facile da risolvere.                      
Tra i vantaggi derivanti dall'uso di formulati a base di mancozeb Indofil vi è l’elevata efficacia e un ampio spettro d'azione nel controllo delle più importanti malattie fungine dell'olivo, come per esempio occhio di pavone, lebbra dell'olivo e fumaggine. Elevata anche la flessibilità quanto a epoche d'impiego, con la possibilità di utilizzo nei diversi periodi dell'anno in funzione dei programmi di difesa.
 
Massimo risulta inoltre il rispetto della coltura, con forte beneficio per la fisiologia della pianta stessa e per la differenziazione delle gemme a fiore, garanzia di produzione elevata e di qualità.
I formulati a base di mancozeb contribuiscono infine alla sostenibilità economica dell’azienda agricola, rappresentando soluzioni dall’ottimo rapporto qualità/prezzo.
           

Indofil in Italia

 Diversi sono i prodotti a base di mancozeb di origine Indofil, leader mondiale del mancozeb di qualità, come Dithane DG Neotec, Mantir DG, Micozeb 75 WDG e Mancozeb Plus 75 WG, commercializzati da società di primaria importanza sul mercato italiano.
Su olivo la dose di mancozeb, nei suoi formulati granulari al 75% di sostanza attiva, è di 300g/hl, corrispondenti a 3 kg/ha. È autorizzata un’applicazione all’anno, la quale va posizionato rispettando un intervallo di sicurezza di 21 giorni.
Quali epoche ottimali di applicazione è bene rifarsi ai principi consolidati di controllo delle principali patologie dell'olivo, con la possibilità di utilizzare i formulati in tutti i periodi dell’anno in funzione dei programmi di difesa.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.641 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner