Fitosanitari, coformulanti e solventi obbligatori in etichetta

Presentata alle Commissioni Giustizia e Agricoltura della Camera la proposta del Movimento 5 Stelle sull'identità delle sostanze utilizzate

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

lente-fitosanitari-coformulanti-m5s.jpg

Prodotti fitosanitari, proposta M5S per coformulanti e solventi

Accolta positivamente dalle Commissioni Giustizia e Agricoltura della Camera la proposta del Movimento 5 Stelle di rendere obbligatoria per i prodotti fitosanitari l'indicazione in etichetta dell’identità delle sostanze utilizzate come coformulanti e solventi e della loro concentrazione. 
La proposta è stata presentata dai deputati M5S della Commissione Agricoltura nella discussione al parere sul decreto legislativo n. 76 in materia di prodotti fitosanitari.

“Si tratta di un importante tassello nel mosaico della corretta informazione al cittadino e un fondamentale contributo alla sua salute e sicurezza – dichiarano i deputati M5S della Commissione Agricoltura . Trattandosi di una questione delicata, ci aspettiamo che il governo rispetti le decisioni del Parlamento. Come afferma la stessa dottoressa Rubbiani, primo ricercatore dell’Istituto superiore di sanità, i coformulanti sono spesso, infatti, più pericolosi della sostanza attiva autorizzata e vengono utilizzati come solventi, adesivanti, bagnanti, tensioattivi ed altro, nei preparati antiparassitari di uso agricolo, domestico e civile”.

L’attuale normativa, per alcuni di questi agenti, non prevede l’obbligatorietà della dichiarazione in etichetta della identità e della concentrazione della sostanza utilizzata come coformulante all’interno del preparato. Per legge, solo l’ingrediente attivo deve essere specificato in etichetta con nome e percentuale in peso presente nel prodotto finito, per i coformulanti è sufficiente il nome collettivo (“coformulanti e solventi”) e la percentuale cumulativa presente nel prodotto, senza l’identificazione specifica di ogni sostanza.

“Talvolta in caso di intossicazione risulta estremamente difficoltoso risalire alla vera causa del danno tossicologico. Alcune sostanzepossono essere utilizzate come ingredienti attivi in certi prodotti specifici, ma fungere da solventi, ed essere quindi considerati coformulanti, in altri preparati. Ecco perché – concludono i deputati 5 Stelle della Commissione Agricoltura – risulta difondamentale importanza che tutto venga dichiarato in etichetta. L’accoglimento della nostra osservazione, ci fa sperare che il Governo agirà al più presto in tale direzione”.  

Fonte: Movimento 5 Stelle

Tag: leggi e decreti fitosanitari

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.745 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner