LA COMMISSIONE AUMENTA IL NUMERO DI FITOFARMACI RITENUTI ESSENZIALI

Revisione europea
Il regolamento emesso il 25 luglio scorso ha sancito la "salvezza" di alcune sostanze attive a fronte delle 322 che, in base ad un precedente regolamento del 2002, dovevano essere revocate

Questo articolo è stato pubblicato oltre 16 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

La Commissione europea, con il regolamento 2076/2002/CE, aveva sancito la revoca di 322 sostanze attive a livello europeo, tutte quelle che non sono state adeguatamente supportate durante il processo di revisione europea (vedere anche articolo).
Tra queste figurano anche principi attivi (
5 per l’Italia: acifluorfen, cartap, fomesafen, setossidim e vamidothion) che sono stati giudicati indispensabili per la sopravvivenza di alcune colture.
Per queste sostanze attive il regolamento citato consente di prolungare i termini di commercializzazione su alcune colture sino al 2007, in attesa di alternative.
Il regolamento 1336/2003 del 25 luglio 2003 (pubblicato sulla GUCE L187 del 26/7/2003) ha inserito tra le sostanze da salvare anche
bromopropilato, dalapon ed eptenofos come dettagliato nella tabella riassuntiva.

 

Tabella 1. Riepilogo principi attivi ritenuti essenziali per alcune colture italiane. In neretto le aggiunte previste dal regolamento  1336/2003.

Sostanza attiva

Stato membro

Utilizzazione

Acifluorfen

Italia

Soia

Bromopropilato

Belgio

Fagiolo

Spagna

Limone, pomodoro, pomacee, vite

Italia

Pomacee, vite

Cartap

Italia

pomacee, drupacee, pomodoro, melanzana, peperone, melone, zucca, piante ornamentali

Dalapon

Italia

Riso

Eptenofos

Irlanda

Ornamentali, cetriolo, pomodoro e lattuga

Italia

Cavoli, fagiolino, lattuga

Fomesafen

Regno Unito

pisello, fagiolo, lupino

Francia

soia, fagiolo

Italia

soia, fagiolo, pisello

Setossidim

Austria

Fragola

Belgio

porro, fagioli, cavolo

Italia

Ortaggi

Vamidotion

Belgio

Melo, arboricoltura

Spagna

Pomacee

Italia

Pomacee

Portogallo

melo, pero

 

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.524 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner