Verso la riduzione dei residui in frutticoltura

Secondo seminario Verdenora. Ferrara, 16 marzo 2010 ore 14-18

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

logo VerDenora low.jpg

Ferrara, secondo seminario Verdenora

'Verso la riduzione dei residui in frutticoltura'. E' questo il titolo del secondo seminario Verdenora che si svolgerà all'Università degli Studi di Ferrara il prossimo 16 marzo, dalle 14 alle 18.

Verdenora, azienda nata dall’unione delle competenze del Dipartimento di Biologia ed evoluzione dell’Università degli Studi di Ferrara con industrie De Nora, ha l'obiettivo di portare in campo agricolo le migliori tecnologie elettrochimiche in grado di migliorare i processi di coltivazione, ottenendo dalla natura il meglio senza comprometterne i delicati equilibri.

Programma

14,00 - 14,30 Registrazione partecipanti
14,30 - 14,45 Apertura - Renato Gazzaniga, presidente
14,45 - 15,15 Verdeviva™ e i meccanismi endogeni di difesa delle piante
Prof. Giovanni Bernacchia, Università degli Studi di Ferrara
15,15 - 15,45 Verdeviva™ contro i cancri del legno e il colpo di fuoco batterico: risultati delle sperimentazioni
Violetta Ferri, Verdenora

15,45 - 16,15 Pausa caffè

16,15 - 16,45 Verdeviva™ contro il cancro batterico dell’Actinidia: risultati delle sperimentazioni
Prof. Giorgio M. Balestra, Dipartimento di Protezione delle piante, Università della Tuscia
16,45 - 17,15 Verdeviva™ nella futura strategia di difesa del melo e del pero: quali potenzialità?
Michele Mariani, Alimenta
17,15 - 17,45 Dibattito
17,45 - 18,00 Chiusura lavori e aperitivo

Coordinatore e moderatore dell’incontro Ivano Valmori, direttore responsabile di Agronotizie

Sede: Università degli Studi di Ferrara - Palazzo Renata di Francia - Aula Magna - Via Savonarola, 9 - Ferrara

Per informazioni: tel. 02 21292820 info@verdenora.com

Fonte: Verdenora

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.792 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner