Umbria, il bando Ocm vino per gli investimenti

A disposizione 1,67 milioni per finanziare l'acquisto di immobili, attrezzature e beni immateriali per la lavorazione e la commercializzazione del vino. Scadenza il 15 novembre 2021, all'interno il link al bando

vino-rosso-bicchieri-bottiglia-by-new-africa-adobe-stock-750x500.jpeg

Vino, in Umbria aperto il bando per finanziare gli investimenti (Foto di archivio)
Fonte foto: © New Africa - Adobe Stock

L'Umbria ha aperto il bando previsto dall'Ocm vino per finanziare gli investimenti nelle aziende vitivinicole destinati al miglioramento delle attività di produzione, lavorazione e commercializzazione del vino, compresa la realizzazione di punti vendita aziendali ed extra aziendali.

L'obiettivo generale del bando, che ha una disponibilità totale di 1,67 milioni di euro, è quello di migliorare il rendimento e la competitività delle aziende.

Possono fare domanda di finanziamento come beneficiari, le imprese piccole medie e grandi che producono o lavorano vino anche a partire da uve o mosti non propri. Possono partecipare anche le associazioni professionali e i consorzi. Non possono invece fare domande di finanziamento le aziende che si occupano solo della commercializzazione.

Gli investimenti possono essere fatti su tutto il territorio regionale per aspetti come:
  • la produzione di prodotti vinicoli (dalla lavorazione delle uve all'imbottigliamento ed etichettatura del vino in cantina);
  • il controllo di qualità;
  • la commercializzazione e marketing dei prodotti vitivinicoli;
  • gli investimenti per la realizzazione e/o il miglioramento di fabbricati (cantine, magazzini, sale di degustazione, punti vendita, ecc.).
In particolare il bando offre un contributo per coprire parte delle spese sostenute per l'acquisto o la ristrutturazione di immobili e impianti per la produzione e la lavorazione del vino e la realizzazione di punti vendita.

Sono finanziabili anche l'acquisto di attrezzature per la produzione, la lavorazione, la commercializzazione e lo stoccaggio del vino, comprese le vasche vinarie e barrique e dispositivi informatici e mobili da ufficio.

Sono coperti dal contributo anche gli acquisti di beni immateriali come programmi informatici, realizzazioni di siti internet, l'acquisto di licenze e brevetti e anche le spese tecniche e generali, ma queste nel limite massimo dell'8% del totale.

I contributi variano a seconda della tipologia dell'azienda e sono del:
  • 40% per le micro e piccole aziende (con meno di 250 dipendenti e fatturato minore di 50 milioni l'anno);
  • 20% per le medie aziende (con meno di 750 dipendenti o fatturato annuo tra più di 50 e 200 milioni);
  • 19% per le grandi aziende (con più di 750 dipendenti o fatturato superiore ai 200 milioni).
Gli investimenti possono essere fatti nel giro di due anni e sono concessi solo per una spesa totale minima di 15mila euro e una massima di 600mila euro.

Entro agosto 2022 è possibile richiedere il pagamento anticipato del contributo, sottoscrivendo una fideiussione bancaria pari al 110% dell'anticipo concesso.

Le domande devono essere presentate sul portale Sian entro il 15 novembre 2021 e trasmesse alla Regione Umbria - servizio sviluppo delle imprese agricole e delle filiere agroalimentari - all'indirizzo Pec: direzioneagricoltura.regione@postacert.umbria.it entro il 23 novembre 2021.

Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina dedicata e al testo completo del bando.

Fonte: Regione Umbria

Autore: M G

Tag: vino bandi ocm investimenti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 268.687 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner