Colline del Conegliano Valdobbiadene: rinviata dall'Unesco la decisione

La candidatura del sito a patrimonio dell'Umanità sarà discussa nuovamente nel 2019, dopo aver apportato alcuni aggiustamenti al dossier

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

conegliano-valdobbiadene-prosecco-paesaggio-candidato-a-patrimonio-unesco-photo-credits-arcangelo-piai.jpg

Fonte foto: © Arcangelo Piai

E' stata rinviata la decisione sull'iscrizione delle Colline del Conegliano Valdobbiadene nella lista del Patrimonio mondiale dell'Umanità Unesco. La candidatura per due voti ha mancato l'iscrizione: ha infatti ricevuto 12 Stati membri si sono espressi favorevolmente, ma non sono stati raggiunti i 14 voti necessari per l'approvazione. Se ne riparlerà nel 2019 all'assemblea annuale in programma a Baku, Azerbaigian.

Anche se la valutazione dell'organizzazione internazionale non-governativa Icomos, Consiglio internazionale dei monumenti e dei siti, è risultata "Non inscribe", sono emersi elementi positivi come la buona conservazione e gestione del sito candidato.

Innocente Nardi, presidente dell’Associazione temporanea di scopo "Colline di Conegliano Valdobbiadene patrimonio dell’Umanità" e del Consorzio di tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg ha commentato così il rinvio della candidatura: “Il percorso per la candidatura è stato avviato nel 2008, all’inizio del 2017 siamo stati candidati ufficialmente. Sapevamo che il traguardo poteva richiedere ancora un po’ di lavoro e di tempo: restiamo determinati nel raggiungere questo obiettivo nell’estate 2019”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.525 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner