Ais, quando il vino è poesia della terra

Il 50° Congresso nazionale è in programma il 19 e 20 novembre a Trento. La finale del Concorso miglior sommelier d’Italia, Premio Trentodoc 2016 e sabato 19 l'incontro sulla viticoltura biodinamica

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ais-50-convegno-20161108.jpg

Trento, 19-20 novembre 2016

“Quando il vino è poesia della terra” è il titolo del 50° Congresso nazionale dell'Associazione italiana sommelier che si terrà a Trento il 19 e il 20 novembre. Il vino italiano ha espresso nel recente periodo un forte innalzamento del suo livello qualitativo e l’apprezzamento che registra nel mondo certifica tale crescita. La figura del sommelier Ais sta cambiando di conseguenza, rispondendo alle nuove tendenze e alle mutate esigenze di comunicazione.

In questo ambito è stato organizzato sabato 19 novembre il convegno “La viticoltura biodinamica, esperienze a confronto e possibilità future”, con la partecipazione di Elisabetta Foradori, Nicolas Joly per Château de la Roche aux Moines, Alessandro Ceretto, Helmuth Zozin di Manincor ed Enzo Mescalchin della Fondazione Edmund Mach, moderati dal giornalista e scrittore Samuel Cogliati. Alle 14.30 cerimonia di assegnazione del Premio Surgiva, dedicato alla delegazione Ais che si è maggiormente distinta per attività innovative.
Ancora sabato, al Muse, “Trentodoc Bollicine sulla Città”: una grande degustazione con oltre 120 etichette di 45 case spumantistiche.

La scelta del capoluogo trentino per il 50° Congresso suggella la recente collaborazione avviata tra l’Ais e l’Istituto Trentodoc, che da questa edizione attribuirà il Premio Trentodoc al vincitore del Concorso per il Miglior Sommelier d’Italia. Domenica 20 novembre i tre finalisti si contenderanno il titolo durante la prova finale aperta al pubblico, cui seguirà la proclamazione del vincitore.

Siamo molto orgogliosi di questo cammino intrapreso con l’Istituto Trentodocdichiara il presidente Ais, Antonello Maietta –, e di essere ambasciatori di un territorio di grande valore, che si sta facendo sempre più apprezzare nel mondo intero. Il loro claim, ‘Bollicine di montagna’, inoltre, si addice perfettamente al nostro concorso. Infatti, racchiude in sé la fatica della salita, ossia l’intensa preparazione dei nostri concorrenti, la dura conquista della vetta, tra prove e selezioni, e, alla fine, l’esplosione dei brindisi per celebrare la vittoria”.

Per maggiori informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.509 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner