Il tridente di Sipcam Italia al servizio degli orticoltori

Nel ricco catalogo di Sipcam Italia, Oikos®, Shark® PF e Bismark® sono le tre soluzioni vocate all'orticoltura professionale, utilizzabili rispettivamente contro nematodi, aleurodidi/tripidi e malerbe

Contenuto promosso da Sipcam Italia
orticolemixagronotizie.jpg

Le proposte di Sipcam Italia per le colture orticole
Fonte foto: Agronotizie

Colture speciali, soluzioni speciali: l'orticoltura professionale è sempre più materia di specialisti, sia che si tratti di produttori, sia che si parli di difesa fitosanitaria. Se già oggi il livello di professionalità richiesto è molto alto in tal senso, nel prossimo futuro ciò sarà ancor più vero, necessitando quindi di soluzioni sempre più dedicate, atte non solo a guardare al presente, bensì anche a rappresentare solidi punti di riferimento anche in termini di sostenibilità di lungo periodo nei mercati.

Sipcam Italia propone in tal senso un tridente di soluzioni specialistiche, ovvero Oikos®, Shark® PF e Bismark®. Il primo è un insetticida formulato come emulsione concentrata e contiene azadiractina A in ragione di 26 grammi per litro. Il prodotto è al momento autorizzato contro i nematodi su pomodoro, peperone, zucchino e cetriolo ed è applicabile in pieno campo e in serra tramite fertirrigazione. Cinque il numero massimo di applicazioni l'anno, da effettuarsi alla dose di 1,5 litri per ettaro. Sistemico ed efficace, questo nematocida risulta inoltre selettivo su tutte le colture. Infine, la purezza del prodotto deriva da una particolare tecnica estrattiva che lo esenta dalla presenza di oli secondari.

Da parte sua, Shark® PF è il nuovo bioinsetticida, anch'esso di origine naturale, proposto da Sipcam Italia contro aleurodidi e tripidi, controllati dal fungo entomoparassita Paecilomyces fumosoroseus, un basidiomicete. La peculiarità di questo microrganismo è di colonizzare il corpo degli insetti portandoli velocemente a morte, offrendo al contempo un'elevata sicurezza ambientale derivante dal fatto che il fungo può sopravvivere solo all'interno dei corpi dei parassiti infettati. Ciò esclude la possibilità che il fungo diffonda nell'ambiente in modo indesiderato.

In qualità di prodotto microbiologico, Shark® PF migliora anche il profilo residuale dei raccolti, risultando sicuro per gli utilizzatori e i consumatori. Per tali ragioni non sono stati stabiliti limiti massimi di Legge, né intervalli di sicurezza in campo. Al fine di estrarre la maggior efficacia possibile dai trattamenti, si consiglia di applicare il prodotto in presenza dei parassiti stessi, sapendo che la colonizzazione dell'ospite avviene in circa 48-72 ore. Applicabile per un massimo di 4 trattamenti all'anno, Shark® PF va dosato a 2-2,5 chilogrammi per ettaro, tenendo fra le applicazioni un intervallo di 5-7 giorni. Il suo impiego nei programmi di difesa delle colture orticole assicura quindi un eccellente controllo di aleurodidi e tripidi, rappresentando al contempo un valido strumento antiresistenza.

Punto di riferimento su patata e legumi a pieno campo, come fagiolo, fagiolino, pisello, fava e favino, nonché su carota, finocchio e asparago, merita menzione speciale anche Bismark®, erbicida formulato come sospensione di microcapsule contenente pendimetalin e clomazone. L'ampio spettro d'azione derivante dalla loro combinazione assicura una duratura pulizia del terreno a diverse settimane dal trattamento.

Le dosi spaziano fra 1,5 e 2 litri per ettaro per tutte le colture tranne che per l'asparago, sul quale l'erbicida deve essere applicato a 2-3 litri per ettaro. Anche il timing varia in funzione della coltura trattata: in pre emergenza/pre trapianto per tutte le colture summenzionate, tranne ancora per l'asparago sul quale il prodotto va utilizzato in post-raccolta, anche se in presenza della coltura.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 265.903 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner