Il diserbo selettivo per il mais si chiama Trone

Per gli interventi in post emergenza Agrimix propone un prodotto efficace contro le principali infestanti a foglia larga, comprese le cosiddette 'ruderali'

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

trone-bottiglia.jpg

Trone, per il diserbo del mais

Anche nel comparto degli agrofarmaci ad azione erbicida Agrimix integra la gamma con una specialità a base di sulcotrione puro (300g/l): Trone.

Il prodotto, formulato in sospensione concentrata, è classificato irritante-pericoloso per l'ambiente (non richiede quindi il patentino per l'acquisto) ed è particolarmente efficace contro le principali infestanti a foglia larga del mais comprese quelle chiamate volgarmente 'ruderali', anche se possiede una interessante azione nei confronti di diverse graminacee. Trone agisce prevalentemente per via fogliare, anche se è dotato di una complementare azione per assorbimento radicale.

La traslocazione dell'erbicida nelle erbe infestanti avviene sia per via floematica sia per via xilematica con accumulo della sostanza attiva nei tessuti meristamatici. I primi sintomi appaiono dopo 2-3 giorni dal trattamento con decolorazioni fogliari; in seguito si nota un graduale e progressivo appassimento che si completa con la distruzione della malerba nel giro di 10-15 giorni.

Il prodotto si impiega quando la coltura del mais è compresa tra le 2-3 foglie fino alle 7-8 foglie e quando le infestanti dicotiledoni hanno 2-4 foglie e le infestanti graminacee 2-3 foglie alla dosi di 1-1,5 litri per ettaro. La dose maggiore è suggerita per il controllo delle malerbe più sviluppate (dicotiledoni oltre la quarta foglia) o quando vi sia presenza di graminacee (2 - 4 foglie).

Se necessario perché in presenza di una associazione di malerbe miste, Trone può essere miscelato a diversi erbicidi selettivi per il mais a base di nicosulfuron (Maisnet), dicamba, ecc, con i quali è perfettamente compatibile completandone l'azione.

Per il trattamento è consigliato utilizzare volumi di acqua da 200 a 400 litri per ettaro con attrezzature a bassa pressione e con ugelli a ventaglio; durante le operazioni di diserbo occorre tenere in funzione l'agitatore della miscela nella botte.

 

Fonte: Agrimix

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.571 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner