Radici del Sud, etichette di 70 bottiglie di vino sul podio

La sedicesima edizione del vino da vitigno autoctono meridionale, tenutasi a San Nicandro di Bari, è stata un successo ed ha ampliato la platea dei partecipanti all'Abruzzo, alla Sardegna e al Molise

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

bicchieri-vino-rosso-by-boule1301-fotolia-750.jpeg

Stappate dai produttori 1.500 bottiglie per l'incessante lavoro delle due giurie e degli incontri business to business (Foto di archivio)
Fonte foto: © boule1301 - Fotolia

La ripresa degli eventi in presenza ha contribuito a decretare un grande successo per il concorso vinicolo Radici del Sud a Sannicandro di Bari. Premiati da due giurie, una nazionale e una internazionale, i migliori vini da vitigni autoctoni del Sud Italia. Sono settanta i vini premiati lo scorso 15 giugno alla cerimonia conclusiva della sedicesima edizione del concorso internazionale di Radici del Sud.

Il lavoro dei giurati, scelti tra i giornalisti di settore italiani e stranieri, ha decretato i migliori tra i 350 vini da vitigni autoctoni del Sud Italia iscritti alla competizione, un'edizione da record con circa 150 aziende partecipanti. Una classifica molto interessante, che vede nella rosa salita sul podio anche i vini di Abruzzo, Molise e Sardegna, che quest'anno, per la prima volta in gara, hanno completato il panorama enologico del Meridione d'Italia assieme a quelli di Puglia, Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia già presenti nelle scorse edizioni.

I blind tasting si sono svolti domenica 13 e lunedì 14 giugno, con tre sessioni di assaggio e, tra i giudici, hanno degustato anche i rappresentanti di AssoEnologi Puglia, Basilicata e Calabria, i presidenti delle Associazione Vinarius e Aepi e il presidente della sezione pugliese di Slow Wine.

"I produttori hanno stappato oltre 1.500 bottiglie - commenta Nicola Campanile, organizzatore dell'evento - ed erano entusiasti dell'affluenza e della ripresa degli incontri. È stato un lavoro svolto in sicurezza e in armonia, tra le giurie e gli incontri business to business, tutti erano contenti di aver ricominciato con la quasi normalità delle attività. Interessante la concomitanza dei pareri sui vini migliori tra la giuria nazionale e quella internazionale, mentre per quanto riguarda gli incontri con i buyer, i produttori erano felici di riaprire un confronto in presenza e hanno mostrato un'energia come non si percepiva da tempo".

La rassegna è stata patrocinata e promossa dal Consiglio regionale della Puglia, dal dipartimento Agricoltura della Regione Puglia e dal Comune di Sannicandro di Bari.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Radici del Sud

Autore:

Tag: prodotti tipici vino concorsi incontri vitivinicoltura cantine

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 263.993 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner