Aflatossine, no all'innalzamento dei limiti

Il ministero della Salute risponde a Coldiretti Veneto in merito alla forte concentrazione di micotossine nel mais coltivato nel 2012

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

corn-morguefile-markmiller.jpg

Aflatossine e mais, il ministero della Salute vieta l'innalzamento dei limiti
Fonte foto: Morguefile.com

"Alzare i limiti per le aflatossine è difficilmente perseguibile”. È quanto afferma il ministero della Sanità in risposta alla richiesta di Coldiretti che, in una lettera inviata qualche giorno fa, chiedeva "chiarezza" in merito alla forte concentrazione di micotossine nel mais coltivato nel 2012, segnato dall’eccessiva siccità della scorsa estate.

“Considerata la possibilità di percorrere vie alternative – precisa la nota ministeriale – quali la detossificazione del mais o la destinazione delle granaglie contaminate ad altri usi non alimentari, si ritiene che l’innalzamento dei parametri attualmente fissati non è coerente con la salvaguardia della salute pubblica e degli animali”.

“Sfatato ogni dubbio – commenta Coldiretti Veneto – con un ritardo di mesi sull’emergenza, ogni attore della filiera è chiamato ora a fare la propria parte. Il settore sconta le difficoltà provocate dalle avversità atmosferiche, ma soprattutto dalle azioni speculative che hanno compromesso anche il raccolto ‘buono’”.

Pochi giorni fa, Coldiretti aveva sollecitato il ministero della Salute, in una lettera, a  trovare "soluzioni per le imprese agricole", senza però derogare "la tutela della salute dei consumatori": la determinazione dei limiti di micotossine spetta alle autorita' scientifiche, per cui qualsiasi scelta di modificare in alto o in basso i livelli non può essere demandata all’improvvisazione senza il supporto della competenza sanitaria.
Con questa premessa Coldiretti ha interessato il Ministero della Salute sulla questione aflatossine presente in forte concentrazione nelle coltivazioni di mais dell’area del bacino padano.

"In relazione alle rinnovate richieste di rivisitazione dei parametri manifestate da più parti – si legge nella lettera – è doveroso procedere tenendo conto della gerarchia degli interessi implicati nella filiera alimentare".
Di qui la richiesta di chiarire il corretto limite di aflatossine nei mangini e negli alimenti e, non ultimo, l’intervento dell’Istituto superiore di sanità per adottare tutte le risposte richieste per una migliore gestione dei rischi del sistema zootecnico veneto.

“Occorre – conclude ora Coldiretti – trovare delle soluzioni che tutelino il reddito degli agricoltori più che iniziative che sottendono strumentalizzazioni politiche”.



Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.744 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner