Pensando al biologico di domani

I programmi di difesa stanno evolvendo rapidamente, anche nel biologico. Certis Europe rafforza e sviluppa ulteriormente il proprio specifico portafoglio prodotti in tal senso

Info aziende
certis-linea-biologica-vite.png

La linea biologica per la vite di Certis Europe

Tutto si evolve, nulla resta fermo.
Specialmente in agricoltura, settore nel quale il legame con il clima e con gli organismi viventi, benevoli o dannosi, obbliga ad affinare le soluzioni per la difesa delle colture in uno scenario in continua evoluzione, anche normativa. Ciò vale sia per l'agricoltura integrata, sia per quella biologica.

Già riferimento di mercato nel primo dei due segmenti su menzionati, Certis Europe ha da tempo intrapreso un cammino deciso anche verso la messa a punto e il consolidamento di un apposito catalogo prodotti dedicato al biologico. Tali investimenti hanno permesso quindi di comporre una vasta gamma di prodotti autorizzati per l'impiego in regime di agricoltura biologica, validi contro molteplici avversità.

Fra le colture di maggior interesse in tal senso, la vite. La coltura Regina italiana ha infatti numerose problematiche da fronteggiare, come oidio, tignole, peronospora e botrite. Contro la peronospora, patologia dominante al Nord, ma che ha ormai preso quota anche in diverse regioni meridionali, Certis Europe schiera i propri prodotti della linea Kocide®, ovvero Kocide® Opti e Kocide® 2000. Quest'ultimo contiene il 35% di rame idrossido, mentre Kocide® Opti contiene la medesima sostanza attiva in ragione del 30%. L'elevata qualità delle due formulazioni permette di proteggere la vegetazione trattata con il massimo dell'uniformità e quindi dell'efficacia. Il tutto, utilizzando dosi di rame bassissime.

A contrastare l'oidio sono invece delegati Barocco 80 WG, formulato granulare a base di zolfo, e Karma 85 che è anche il riferimento tecnico per il controllo della botrite. Karma 85, a base di bicarbonato di potassio in esclusiva formulazione "High Tech" esplicando la sua azione di tipo fisico sul patogeno comporta non solo un'elevata efficacia sul medesimo, bensì anche una positiva influenza sul profilo residuale finale della coltura, nonché verso le resistenze quando inserito nei programmi di difesa dalla muffa grigia.

Non solo patologie, però, nella vite. Contro i lepidotteri come Tignole e Tignolette, è possibile usare Costar WG, a base di Bacillus thuringiensis var. kurstaki - SA 12, i cui posizionamenti possono essere programmati grazie all'impiego in campo delle apposite trappole a feromoni Pherocon, di cui Certis Europe è distributrice in Italia. Per contrastare invece le infestazioni di Scafoideo, vettore della Flavescenza dorata della vite, risulta efficace Natur Breaker®, esclusiva di Certis Europe Italia. Il nuovo insetticida biologico è a base di piretrine naturali di massima purezza contenuta in ragione di 40 grammi per litro.

L'insieme delle molteplici soluzioni tecniche di Certis Europe consente perciò di fronteggiare efficacemente le più importanti difficoltà che affliggono la viticoltura in generale, inclusa quella biologica, soddisfacendo al contempo anche le più stringenti richieste sia normative, sia dei mercati.

Scarica la linea vite per il biologico di Certis Europe

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.366 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner