Tranquillamente enoturismo, in cantina in sicurezza

Stilate nel protocollo internazionale le linee guida per le visite e l'accoglienza nel settore dell'enoturismo. E per ripartire #CantineAperteInsieme, il brindisi online delle cantine di Mtv

vigna-cantine-aperte-fonte-mtv.jpg

Movimento turismo del vino raccoglie oltre 800 cantine italiane

L'enoturismo si reinventa e si adatta alle nuove aspettative dei turisti del vino. E per capire quali siano le soluzioni concrete applicabili ecco il protocollo internazionale Tranquillamente enoturismo stilato da un gruppo di lavoro internazionale e presentato da Movimento turismo del vino, l'associazione nazionale che raccoglie oltre 800 cantine italiane, e Roberta Garibaldi, esperta di turismo enogastronomico. Una sorta di guida che si rivolge alle cantine e agli attori dell'enoturismo per l'adeguamento delle strutture e dei servizi di accoglienza, dando la priorità alla cura e alla salvaguardia della vita delle persone.

"Questo è un momento estremamente importante, tutto sta cambiando - afferma la professoressa Roberta Garibaldi - non possiamo aspettarci che il futuro sia uguale al passato, viaggeremo verso un nuovo futuro.
È necessario guardare in prospettiva e riuscire ad accompagnare il settore verso un cambiamento che avverrà -
prosegue la professoressa -. E quindi a livello internazionale ci siamo confrontati tra più paesi per cercare di leggere questo nuovo futuro: con un fiorire di degustazioni online, innovazioni nel settore enogastronomico, un incremento mondiale nelle vendite online e delivery. E' necessario oggi rifocalizzare e riprogettare un nuovo turismo".
 

Il protocollo internazionale Tranquillamente enoturismo

Il protocollo dovrà essere armonizzato con norme e regolamenti elaborati a livello regionale e territoriale da ogni singola cantina e andrà a dettagliare una serie di indicazioni relative ai seguenti ambiti:
  • le prenotazioni
  • l'accoglienza dei clienti, con disposizioni precise sulle modalità del loro ingresso   
  • la gestione delle degustazioni, con raccomandazioni per la tutela dei visitatori e per chi eroga il servizio
  • l'organizzazione della visita guidata in cantina
  • la gestione del wine shop
  • l'uso degli spazi della cantina, sia al chiuso che all'aperto
  • la gestione dei collaboratori
Scarica il protocollo internazionale Tranquillamente enoturismo
 

Corso di management dell'enoturismo

Sarà possibile inoltre approfondire il tema dell'accoglienza in cantina con il Corso di management dell'enoturismo, un momento di formazione e uno strumento operativo per le singole realtà per comprendere quali sono gli elementi rispetto a cui puntare per valorizzare la propria struttura e la propria offerta.
Destinatari sono gli operatori della filiera vinicola che intendono offrire esperienze di visita innovative ed emozionali. Tra gli argomenti trattati "Lo scenario, il posizionamento strategico e il piano di marketing", "Il profilo del turista", "Creare esperienze turistiche accattivanti in post Covid-19", "L'innovazione digitale" (dalle degustazioni digitali alle vendite online, dalla comunicazione alle piattaforme di prenotazione) e "La collaborazione: la destinazione e le reti territoriali".
 

Cantine aperte

Nicola D'Auria, presidente Mtv, ha spiegato: "Con la professoressa Garibaldi abbiamo lavorato in questi mesi per individuare strategie per rafforzare il nostro settore. Il Movimento turismo del vino ha fatto molta strada dal 1993, quando Donatella Cinelli Colombini ebbe la grande intuizione di Cantine aperte. Se all'avvio la necessità era quella di far vedere da vicino la qualità del lavoro in cantina, oggi bisogna trasmettere fiducia e rinnovare l'interesse verso le produzioni vitivinicole".
"Nell'intento di avvicinare sempre più persone al mondo del vino, Mtv ha creato intorno a Cantine aperte altri grandi eventi, con al centro la visita in cantina, il cuore del processo di valorizzazione del patrimonio rurale del territorio" ha aggiunto il presidente D'Auria.
"A seguito della pandemia che ha provato personalmente ciascuno di noi, i nostri territori e le nostre realtà produttive, abbiamo creduto giusto insieme al comitato internazionale dell'enoturismo, guidato dalla professoressa Garibaldi, reagire per cercare di rilanciare il nostro settore, studiando ed elaborando il protocollo internazionale Tranquillamente enoturismo. Crediamo infatti - ha concluso il presidente - che il turismo in cantina sarà la forma più sicura e responsabile di turismo, grazie agli ampi spazi al chiuso e all'aria aperta di cui dispongono le aziende vinicole".

Quest'anno la manifestazione Cantine aperte si è svolta in un'edizione speciale, online, smart e social, nel weekend del 30-31 maggio scorsi. Movimento turismo del vino ha invitato le cantine per il più grande brindisi online d'Italia alla ripartenza dell'enoturismo.

L'evento è arrivato direttamente a casa grazie alla collaborazione con la piattaforma iorestoacasa.delivery, che ha permesso ai winelover di degustare i loro vini preferiti. La piattaforma è un progetto senza fini di lucro nato per aiutare a ridurre il più possibile gli spostamenti e permettere alle realtà produttive di raggiungere i propri clienti: le cantine socie di Movimento turismo del vino hanno spedito i propri vini e i propri pacchetti esperienziali direttamente a casa o hanno messo a disposizione degli enoturisti l'asporto.

#CantineAperteInsieme è stata anche una campagna social che ha unito le cantine e i partecipanti nella condivisione di foto e video della loro esperienza: in tutta Italia le cantine del Movimento turismo del vino è andato in scena un grande weekend online con degustazioni in diretta e brindisi social, per far sentire la vicinanza del Movimento agli enoappassionati e poterli accogliere al meglio in cantina nel prossimo futuro.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.629 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner