Malerbe e polloni: Evolution controlla entrambi

Il diserbante di Sipcam Italia, a base di pyraflufen etile, è la soluzione ideale per il controllo di malerbe e polloni sia nella vite sia nei fruttiferi, a partire dal nocciolo

Contenuto promosso da Sipcam Italia
vite-uva-da-vino-tralci-inizio-estate-veneto-byilcs-700.jpg

La pulizia dei sotto fila include anche quella dai polloni (Foto di archivio)
Fonte foto: Cristiano Spadoni

Mesi di asciutto e poi all’improvviso il caldo estivo accompagnato però da temporali e piogge che hanno messo il turbo non solo ai più comuni patogeni fungini, bensì anche a malerbe e polloni. Ciò è avvenuto specialmente nelle colture della vite e del nocciolo e ancor di più nelle varietà delle due colture caratterizzate da un’alta capacità di estrarre acqua dal terreno e di vegetare prosperosamente. Anche troppo se questa prosperosità vegetale prende appunto il nome di polloni.

Questi assorbono acqua e nutrienti senza di fatto contribuire alla produttività delle piante e quindi vanno controllati al pari della flora infestante. Meglio ancora se con un trattamento solo si possono controllare entrambe le problematiche. Per fare ciò, Sipcam Italia propone Evolution diserbante-spollonante formulato come emulsione concentrata a base di pyraflufen etile in ragione di 26,5 grammi per litro.

Il prodotto agisce esclusivamente per contatto e pertanto nella fase estiva risulta preferibile ai diserbanti sistemici come glifosate che possono sfruttare anche la linfa discendente una volta penetrati nei tessuti trattati. L’uso di Evolution scongiura quindi eventuali esposizioni degli apparati non bersaglio, come per esempio le radici.

Nei vigneti Evolution offre un ampio spettro d’azione, mostrandosi specialista contro le infestanti chiave a foglia larga del periodo estivo, una su tutti il Convolvolo o Vilucchio. Questo, unitamente a Erigeron/Conyza e a tutte le ruderali a sviluppo estivo, complica non poco la vita dei viticoltori nei mesi più caldi dell’anno. Mesi in cui però va combattuta anche la lotta ai polloni. Evolution offre proprio la possibilità di controllare con il medesimo passaggio sia le infestanti più diffuse e difficili, sia i ricacci dei polloni. Un plus che diviene particolarmente prezioso ora che dal mercato sono scomparsi i disseccanti più utilizzati fino a un recente passato, come glufosinate ammonio e diquat.

Il problema dei polloni non è peraltro sentito solo dai viticoltori. Ben lo sanno i coltivatori di nocciolo, coltura altamente pollonifera che necessita di più trattamenti estivi che oltre a eliminare i polloni mantengano puliti i sottochioma dalle malerbe.
 

Dosi e modalità di impiego

Su vite Evolution va applicato alla dose di 800 millilitri per ettaro utilizzando una quantità d’acqua che garantisca la corretta bagnatura delle superfici bersaglio, avendo però l’accortezza di evitare irrorazioni indesiderate di parti verdi della coltura. Quando siano i polloni l’obiettivo principale, questi devono presentarsi entro i 10-20 centimetri di sviluppo, quando cioè non abbiano ancora lignificato i loro tessuti.

Scarica la brochure di Evolution

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.697 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner