Dal campo al magazzino

Interpoma 2014 - Syngenta si pone al fianco dei melicoltori e lo conferma attraverso un convegno incentrato sulle malattie da conservazione delle pomacee

Contenuto promosso da Syngenta Italia
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

syngenta-interpoma-2014.jpg
Si è conclusa con il consueto grande successo e quasi 18mila presenze, in aumento rispetto al 2012, la IX Edizione di Interpoma, Fiera internazionale per la coltivazione, conservazione e commercializzazione della mela, tenutasi a Bolzano dal 20 al 22 novembre.
 
Anche quest’anno Syngenta era presente alla manifestazione con uno stand che ha visto l’affluenza costante di visitatori da diverse parti d’Europa, a confermare il respiro internazionale della fiera e la versatilità delle soluzioni Syngenta per la frutticoltura, sempre apprezzate da agricoltori, tecnici opinion leader, distributori di mezzi tecnici e operatori della filiera.
Soluzioni che esercitano la propria efficacia non solo in campo ma anche in magazzino, per proteggere i frutti lungo tutto il percorso della filiera agroalimentare.
Questo il tema del Convegno a numero chiuso organizzato da Syngenta proprio durante la manifestazione e intitolato “Malattie da conservazione delle pomacee: inquadramento della problematica  e ripercussioni commerciali”, tenutosi lo scorso 21 novembre al quale ha partecipato una folta rappresentanza di tecnici qualificati del settore.
 
Ad introdurre l’argomento, Maurizio Sgobbi (Responsabile Tecnico CICO-Consorzio Italiano Cooperativo Ortofrutticolo), che ha inquadrato dal punto di vista scientifico le malattie da conservazione delle pomacee e ne ha sottolineato le possibili ripercussioni commerciali e l’impatto economico in magazzino se non gestite correttamente.

Focalizzati sulle esperienze in Trentino Alto Adige e in Emilia Romagna sono stati invece gli interventi di Mario Baldessari (Tecnico sperimentatore, Fondazione E.Mach) e Michele Mariani (Consulente tecnico, Alimenta), che hanno messo in luce quanto una corretta strategia di controllo in campo con prodotti di provata efficacia sia utile nel contenimento dei danni dalle  principali malattie da conservazione e come Syngenta, con il fungicida GEOXE® a base di fludioxonil, sia in prima linea nel supportare i produttori durante tutta la filiera produttiva.
 
L’intervento conclusivo di Mauro Coatti (Head of Specialty Crops and Head of Technical) ha poi confermato ulteriormente come su Alternaria del melo, maculatura bruna del pero e marciumi da conservazione di melo e pero, GEOXE® mostri sempre un’efficacia uguale o superiore ai migliori standard di mercato garantendo residui in linea con le richieste della filiera agroalimentare.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito dedicato da Syngenta alle colture frutticole

Un momento del convegno Syngenta sulle malattie da conservazione delle pomacee