Vendemmia, prorogato il termine per presentare le dichiarazioni

Il 15 dicembre prossimo è la data individuata per le scadenze obbligatorie del settore. L'obiettivo del Mipaaft è quello di venire incontro agli operatori del comparto

enoturismo-vite-vigneto-uva-by-narin-sapaisarn-fotolia-750x500.jpeg

15 dicembre 2018: presentazione delle dichiarazioni di vendemmia, di produzione vinicola e di diffusione dei dati per la campagna vitivinicola 2018-2019
Fonte foto:   © Narin Sapaisarn - Fotolia

"E' essenziale ridurre drasticamente i costi della burocrazia che gravano sul mondo dell'agricoltura e questo decreto va in questa direzione".
E' quanto afferma Gian Marco Centinaio, ministro delle Politiche agricole, a seguito della proroga al 15 dicembre prossimo del termine di presentazione delle dichiarazioni di vendemmia, di produzione vinicola e di diffusione dei dati per la campagna vitivinicola 2018-2019.

La modifica del decreto n. 5881, che ha così individuato in un'unica data le scadenze obbligatorie per il settore, è stata decisa per venire incontro agli operatori del settore, al fine di non caricarli di aggiuntivi oneri burocratici.

"Si tratta di un obiettivo prioritario, che intendo perseguire con grande determinazione" ha continuato il ministro. "Visto che ancora non è stato possibile fare la semplificazione, la modifica del decreto è un primo aiuto per evitare errori agli operatori e investire nello sviluppo di un'agricoltura sempre più di qualità e di eccellenza".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.903 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner