Al via Iswa, Italian signature wines academy

Una strategica alleanza di cinque case vinicole italiane pronte a sfidare il futuro insieme. Aziende che già fatturano oltre 200 milioni di euro e superano i 33,2 milioni di bottiglie annue prodotte

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

iswa-2014-fonte-ais-napoli.jpg

Iswa, Italian signature wines academy

Iswa, Italian signature wines academy. E' questo il nome dell'esclusivo club del vino italiano di pregio nato dall'alleanza di cinque rinomate aziende vinicole italiane sparse in altrettante regioni, Allegrini (Veneto), Feudi di San Gregorio (Campania), Fontanafredda (Piemonte), Frescobaldi (Toscana) e Planeta (Sicilia), con anche proprie realtà produttive in altre zone del Bel Paese, pronte a fare Sistema Paese.

Vini eccellenti, di consolidata tradizione, ben presenti all’estero, con una produzione globale di oltre 33,2 milioni di bottiglie e un fatturato complessivo che supera i 200 milioni di euro l’anno. I rispettivi produttori hanno dato vita a una alleanza strategica per fare sistema e ampliare la loro presenza nel mondo. Si mira ad esplorare e sfruttare ogni possibile sinergia nella promozione e nello sviluppo commerciale sui mercati internazionali, anche elaborando progetti su canali di vendita nuovi e difficili da penetrare dalle singole aziende, per rafforzare ed estendere la presenza del miglior made in Italy.

Si tratta di cinque primarie aziende vinicole italiane accomunate da forti analogie e affinità: nella visione imprenditoriale, nella capacità di innovazione, nell’investimento sulla propria immagine di brand a livello internazionale, nel peso e nel ruolo che ciascuna delle cinque firme riveste nella propria regione e, quindi, nell’attitudine ad essere “rappresentative” di queste regioni, che sono le più importanti del panorama vinicolo italiano e con le denominazioni vinicole più prestigiose. Attitudini e valori affini che appartengono a ognuna delle cinque firme e che ora mettono al servizio di obiettivi comuni più ambiziosi.

Allo studio significative iniziative che migliorino l’immagine del vino di qualità, anche attraverso la valorizzazione dei beni ambientali, archeologici, architettonici, storici, artistici, antropologici, naturalistici e delle peculiarità del territorio e del paesaggio viticolo. Il legame simbiotico che tradizionalmente lega i vini di eccellenza e le zone di loro produzione.

Academy anche. Iswa sarà anche propriamente un’Accademia, promotrice della diffusione della cultura del vino italiano a livello internazionale attraverso iniziative di formazione manageriale e tecnico professionale, di aggiornamento e di specializzazione su tutte le tematiche riguardanti il settore vitivinicolo, in partnership con le principali Università italiane.
Italian signature wines academy è anche testimone di grandi storie italiane, di famiglie importanti, di uomini e donne che ancora credono fermamente all’Italia, al Bel Paese. Storie di passione, di orgoglio, di impegno quotidiano, di speranza.

Leggi l'approfondimento QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.479 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner