Università degli Studi della Tuscia


Via S.M. in Gradi, 4
01100 Viterbo VT
28 mag 2020 Vivaismo e sementi

Vivaista 4.0, l'innovazione varietale passa dall'Università

A cura dell'Università degli Studi della Tuscia, anteprima il 4 giugno 2020 per la laurea triennale professionalizzante L-25 in Produzione sementiera e vivaismo
laurea-produzioni-sementiere-vivaismo-uni-tuscia-2020-webinar2

Frutticole, orticole, estensive: l'Italia vanta grandi primati nella capacità di innovare nelle produzioni sementiere e vivaistiche. In un momento in cui la disponibilità di manodopera specializzata è di grande attualità il mondo della formazione offre ...

27 mag 2020 Vivaismo e sementi

Tradizione e novità: nuovi colori nella bacca del pomodoro San Marzano

L'attività di ricerca, svolta presso il Dafne dell'Università degli studi della Tuscia, ha riguardato la caratterizzazione di una collezione di linee che recano varianti genetiche per caratteri della bacca in background San Marzano
pomodori-san-marzano-dafne-mag-2020-fonte-universita-tuscia

San Marzano è una delle varietà tradizionali di pomodoro più famose in Italia. Di origine campana, si fregia di caratteristiche organolettiche uniche che derivano dall'interazione del genotipo con il terreno vulcanico su cui cresce, nella zona dell'Agro-Nocerino ...

20 mag 2020 Vivaismo e sementi

Frumento duro: miglioramento genetico sostenibile e innovativo

Focus sulla sperimentazione dell'unità di ricerca Ecobreed dell'Università della Tuscia
grano-duro-frumento-spighe-spiga-by-roberto-m-adobe-stock-750x541

Il progetto Ecobreed, finanziato dall'Unione europea programma Horizon 2020 con grant agreement No 771367, vuole migliorare la disponibilità di sementi e varietà adatte alla produzione biologica e a basso input. Le attività si concentreranno su quattro specie di colture, ...

19 mag 2020 Vivaismo e sementi

EVENTO ONLINE - Castanicoltura italiana: un decalogo di priorità

Uncem presenta il webinar che si terrà giovedì 21 maggio 2020 ore 17.00
castagno-castagne-castanicoltura-by-underworld-fotolia-750

Giovedì 21 maggio prossimo alle 17.00 è in programma il webinar "Castanicoltura italiana: un decalogo di priorità" in cui castanicoltori, tecnici, ricercatori, imprenditori esporranno concrete priorità per la castanicoltura da frutto ...

18 mag 2020 Fertilizzanti

Il guscio dell'uovo può essere utilizzato come fonte di fosfato per le piante?

La ricerca del Dafne dell'Università della Tuscia su piante di pomodoro allevate in coltura idroponica
gusci-guscio-di-uova-uovo-by-mickyso-adobe-stock-750

Il continuo incremento demografico renderà necessario sia aumentare la produzione alimentare al fine di assicurare che ogni essere umano nel mondo abbia accesso al cibo di cui ha bisogno, sia sviluppare nuove tecnologie che tengano conto dell'esaurimento delle risorse naturali e ...

30 apr 2020 Economia e politica

Un rover per muoversi in vigna quando il terreno è fangoso? Ora c'è

Un rover anfibio in grado di lavorare in condizioni proibitive. Permette di far guadagnare tempo, ma soprattutto va nella direzione della sostenibilità: meno inquinamento in vigneto e possibilità di risparmiare input
winegrover-rover-anfibio-da-usare-in-vigna-apr-2020-novel-farm-fonte-barbara-righini

Barbara Righini di Barbara Righini

Dal progetto 'AgriDrone Vision', portato avanti da Setel, azienda che si occupa di ingegneria e da alcuni enti di ricerca (fra questi l'Università della Tuscia e il Cnr Imm), è nato Winegrover. Si tratta di un rover anfibio in grado di lavorare in vigna e ...

Rubrica: AgroInnovAzione

6 mar 2020 Economia e politica

Strategie di economia circolare applicate agli scarti della produzione primaria

Focus sugli scarti della trasformazione dei frutti di Actinidia deliciosa, di Punica granatum e di Olea europaea: gli studi del Dafne dell'Università della Tuscia
sostenibilita-bioeconomia-ambiente-green-by-j-mel-adobe-stock-750x396

Da diversi anni il Laboratorio di sostanze naturali del dipartimento di Scienze Aararie e forestali (Dafne) dell'Università degli studi della Tuscia è impegnato nell'ottenimento e nella valutazione di composti ad alto valore aggiunto derivanti dagli scarti della produzione ...

4 mar 2020 Difesa e diserbo

Marciume bruno delle castagne, la malattia emergente dei castagni da frutto

Segnalata già dalla metà degli anni 2000, questa malattia fungina causata da Gnomoniopsis castaneae si sta manifestando come una nuova e seria minaccia per la produzione e la qualità delle castagne. E alcune regioni stanno correndo ai ripari
castagno-castagne-frutti-by-willow-wikipedia-jpg

Matteo Giusti di Matteo Giusti

Si chiama marciume bruno (o marciume gessoso) delle castagne ed è una malattia crittogamica, causata dal fungo Gnomoniopsis castaneae Tamietti, che sta preoccupando sempre più i castanicoltori, i ricercatori e i servizi fitosanitari di diverse regioni ...

2 mar 2020 Vivaismo e sementi

Coltivazione del luppolo in ambiente Mediterraneo: esperienza di ricerca e produzione

Valutazione della possibilità di coltivazione nei nostri ambienti: l'attività di ricerca all'interno del dipartimento di Scienze agrarie e forestali (Dafne) dell'Università degli studi della Tuscia
luppoleto-mar-2020-fonte-dafne-universita-tuscia

La birra artigianale in Italia conta circa 550 milioni di litri prodotti ogni anno, con un crescente interesse nei confronti di una produzione che sia 100% "made in Italy". Ad oggi, l'anello più debole per la costruzione di questa filiera agricola totalmente nazionale è ...

14 feb 2020 Vivaismo e sementi

La canapa industriale: sviluppo e valorizzazione di una filiera agroalimentare ecosostenibile

Studi e ricerche del Dafne dell'Università della Tuscia, in collaborazione con l'Università di Roma la Sapienza
canapa-feb-2020-fonte-universita-della-tuscia-dafne

La canapa (Cannabis sativa L.) è una coltura "antica" la cui presenza in Italia si fa risalire ai tempi della civiltà degli Etruschi che la coltivavano per utilizzarla in molte attività, da quelle civili come l'alimentazione e l'abbigliamento, a quelle ...

5 feb 2020 Fertilizzanti

Tra normativa e campo, quattro esperienze nell'uso dei biostimolanti

In attesa che il nuovo Regolamento Ue faccia ordine in un settore nascente, Image Line ha organizzato un evento per conoscere potenzialità e limiti dei biostimolanti. E dal palco di Fieragricola quattro tecnici hanno riportato le loro esperienze d'uso su zucchino, pomodoro, vite e riso
ricerca-scienza-laboratorio-esperimenti-by-lordn-fotolia-750

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

La scorsa estate è stato approvato il Regolamento europeo sui fertilizzanti (2019/1009) al cui interno è presente una sezione dedicata anche ai biostimolanti, un settore merceologico che fino ad oggi era sprovvisto di una regolamentazione organica di riferimento a livello europeo, ...

Sfoglia tutti gli articoli di
Università degli Studi della Tuscia


Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner