Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Manitou al Sima 2017 gioca la carta dell'innovazione

Nove nuovi modelli della serie NewAg, nuove pale AL T750 e 2100 RT e molto altro alla kermesse francese. Il gruppo lancerà, entro fine anno, altri tre modelli di pale dei brand Gehl e Mustang

Valentina Andorlini di Valentina Andorlini

Info aziende
sima-2017-stand-jpg.jpg

Stand di Manitou al Sima 2017
Fonte foto: © Antoine Monié - Manitou Group

Anche Manitou, leader mondiale dei carrelli di movimentazione, era presente alla 77esima edizione del Sima. L'evento, dedicato ai macchinari agricoli, ha offerto al gruppo l’opportunità di presentare dei modelli evoluti dotati di numerose innovazioni appartenenti ai brand Manitou, Gehl e Mustang.

Ma cosa si è potuto vedere e toccare con mano al salone parigino? Il gruppo ha colto l'occasione per mostrare le nuove generazioni di carrelli telescopici Manitou MLT NewAg, la nuova pala articolata telescopica compatta Gehl AL T750, la nuova pala cingolata 2100 RT firmata Mustang e, infine, tre nuove pale caricatrici dei marchi Gehl e Mustang.

Inoltre, parallelamente alle diverse gamme, Manitou ha proposto numerosi servizi rivolti alla gestione dei dati e alla semplificazione del funzionamento delle macchine.

Pianificando il futuro...
Sappiamo che il tema del Sima 2017 era proprio "Essere agricoltori tra 10 anni" e, sulla base di ciò, il gruppo Manitou prepara il futuro degli agricoltori con numerose funzioni tra cui il pack Intelligent Hydraulics, ottimo esempio di innovazione presente sui nuovi modelli MLT NewAg.

"Questa è solo una prima tappa nell’evoluzione delle nostre macchine. Il nostro obiettivo è quello di automatizzare alcune funzioni e svilupparne di nuove per offrire all'operatore un comfort e una produttività crescenti - ha spiegato Wim Roose, responsabile sviluppo prodotti per il mercato agricolo - Innovazione vuol dire anche offrire servizi agli utilizzatori, in particolare per la gestione della manutenzione dei macchinari. L’ottimazione del costo totale di possesso è un obiettivo diffuso e lo sarà ancora di più nei prossimi anni". 

Maxime Deroch, presidente della divisione Services and solutions, ha sottolineato l’importanza attuale e futura della raccolta e dell'analisi dei dati delle macchine: "Gli aggiornamenti in remoto dei nostri software sono generalizzati così da facilitarne l’utilizzo. Lo scopo è far evolvere la macchina grazie a opzioni che potranno essere attivate in funzione delle esigenze dell’utilizzatore. Si parla, non a caso, di funzioni dormienti".

Tanti brevetti in soli 7 anni
Con oltre 80 brevetti depositati dal 2010 ad oggi, la casa costruttrice francese ha lavorato ogni anno su innovazioni sempre più complete e sofisticate, così da disporre di gamme di macchinari dal crescente contenuto evolutivo.

Ad esempio, l’accesso in cabina sicuro con l'Easy-Step e la grata del tetto brevettata sui carrelli telescopici della gamma MLT NewAg illustrano perfettamente il lavoro realizzato dagli ingegneri per aumentare la sicurezza e la visibilità dell'operatore, mentre il Joystick Switch and Move JSM di Manitou dimostra la facilità di movimentazione del mezzo.
 
JSM, installato come dotazione standard sulle gamme Manitou MLT, MT e MHT

Altro brevetto depositato dal gruppo è il DSB, Double Switch Buttons, sistema che permette all’utilizzatore di scegliere la collocazione dei pulsanti all’interno della cabina. 

Un mix di innovazione e comfort
Tra le innovazioni presenti al Sima, molte riguardavano il comfort del conducente. L’agricoltore ha infatti bisogno di un livello di comfort sempre più elevato e con Comfort Steering System, presente sulle macchine MLT 840 e MLT 1040, questo è garantito.
 
 Comfort Steering System garantisce maggiori comfort, sicurezza, produttività ed ergonomia 

Con questo dispositivo, grazie al servosterzo variabile, la manovrabilità del caricatore è semplificata. Con un solo giro del volante, le quattro ruote effettuano una rotazione completa, riducendo drasticamente le manovre e di conseguenza i disturbi muscolo-scheletrici dell'utente.

Nuovi servizi Manitou per soddisfare le esigenze dei clienti
Il gruppo propone anche nuovi pacchetti di servizi tra cui Easy manager, la soluzione connessa che permette all’agricoltore di sfruttare tutti i dati della sua macchina grazie a numerosi indicatori, all'insegna di un utilizzo migliore ed una manutenzione semplificata.
 
Manitou Easy manager, strumento per ottimizzare il controllo operativo delle macchine

Nel dettaglio, con questo sistema, è possibile conoscere ogni aspetto del macchinario ed effettuare una diagnosi a distanza del mezzo, senza che ci sia la reale presenza di un tecnico. In caso di guasto, lo strumento consente di realizzare la manutenzione con maggiore rapidità e di individuare preventivamente i pezzi necessari.

"La nostra soluzione Easy manager continuerà ad evolvere e ci consentirà di analizzare nuovi dati, permettendo all’utilizzatore di lavorare con una precisione sempre maggiore e riducendo quindi il costo totale di possesso" ha commentato Maxime Deroch.

Un'ampia offerta di accessori
Manitou dispone di diverse centinaia di accessori tutti riuniti in un nuovo catalogo, disponibile presso i concessionari. Inoltre, l'offerta Gehl e Mustang è stata arricchita con 146 nuove referenze per tutti i mercati e una gamma di accessori è stata appositamente creata per i fabbisogni dei carrelli telscopici della serie MLT NewAg come, ad esempio, la benna con griffa CBG 2450/1700
 
Benna con griffa Manitou CBG 2450/1700 MS

Disponibili con due griffe a scelta e una capacità accresciuta di 1.700 litri (griffa chiusa, capacità raso bordo di 1.150 litri), queste benne permettono un incremento significativo della potenzialità di cantiere. I denti delle griffe sono meccano-saldati (versione MS) o forgiati (versione FO).

Parlando di benne, al Sima 2017 è stato presentato BLM 2150/1420 EU, attrezzo adattato alle macchine Gehl e Mustang. Dotata di una lama d’usura con un indice di durezza di 400 HB di serie, questa benna molto resistente è ideale per molte applicazioni quali, ad esempio, il caricamento di cereali. Ha una capacità di 1.420 litri per una larghezza di 2,15 metri ed il sistema di aggancio Euro le consente di garantire la compatibilità con i caricatori frontali dei trattori.

In anteprima anche la nuova forca da rotoballe FB 950/700 LB e la pinza da rotoballe nastrate CLBW-800, quest'ultima presentata al salone EuroTier.

L’innovazione si chiama MLT NewAg
Dopo la chiusura dei battenti della kermesse parigina, i 9 modelli della gamma MLT NewAg, nuovi carrelli telescopici che si differenziano tra loro per il tipo di trasmissione, sono entrati ufficialmente sul mercato.

Precisamente, i modelli MLT 741-140 V+ e MLT 940-140 V+ dispongono della trasmissione M-Vario Plus. Questa nuova generazione di trasmissione permette alla macchina di raggiungere 40 chilometri orari senza interruzione di coppia sull’intero campo di utilizzo. Grazie a un regime motore e marce associate, la trasmissione M-Vario Plus assicura una coppia ottimale a bassa ed alta velocità.
 
Carrello telescopico Manitou MLT 741-140 V+ della serie MLT NewAg

Proseguendo con gli altri modelli che erano esposti nello stand della casa francese, l’MLT 630-105 V CP è equipaggiato con la trasmissione M-Varioshift, la nuova macchina MLT 630-105 monta la trasmissione a convertitore di coppia con cambio Powershuttle, e infine, le versioni MLT 635-130 PS+ e MLT 737-130 PS+ sono dotate di trasmissione Powershift Plus.
 
 Nuovo modello Manitou MLT 630-105 presente al Sima 2017
(Fonte foto: © Serena Pala - AgroNotizie)

In aggiunta, la funzione Active Eco-Mode, presente sia sulla trasmissione M-Varioshift che su M-Vario Plus, permette di ridurre i rumori del motore e i consumi di carburante dell'8 per cento. Con questo dispositivo, il gruppo Manitou ha recentemente vinto un premio al salone Lamma svolto a Peterborough, in Inghilterra, con il certificato di merito.

Anche la funzione Inching, che permette di accelerare i movimenti della freccia riducendo al tempo stesso gradualmente la velocità di avanzamento del carro, è presente in queste trasmissioni.

La prima pala articolata di Ghel si chiama T750
Con l’evoluzione delle aziende agricole, le necessità in termini di movimentazione non sono più le stesse e gli utenti cercano macchine in grado di arrivare più in alto a causa delle aree di stoccaggio sempre più alte. Il marchio Gehl risponde molto bene a questa problematica lanciando il T750, la prima pala articolata telescopica compatta del brand.
 
 Nuova pala articolata telescopica compatta T750 di Gehl
(Fonte foto: © Serena Pala - AgroNotizie)

Presentato per la prima volta in Francia, in occasione della fiera parigina, questo nuovo modello con un peso di 5,5 tonnellate, può raggiungere i 5 metri di altezza ed è dotato di due marce di serie e di una terza marcia opzionale. Non solo. La macchina monta il circuito idraulico ausiliario Hi-Flow e luci di lavoro a Led.

La Gehl T750 sarà commercializzata a partire da quest'estate in Regno Unito, Germania, Benelux, Scandinavia e, infine, nei Paesi baltici. Successivamente verrà distribuita in altri Paesi europei e negli Stati Uniti.

Nuova pala cingolata 2100 RT firmata Mustang
Con una larghezza di 1,76 metri ed un'altezza di 2,11 metri, la 2100 RT risulta essere la più grande delle pale cingolate del brand in Europa. Inoltre, con un peso di 795 chilogrammi e una pressione sul terreno di soli 0,32 bar, questo modello è ideale per preparare le piste per i cavalli e rappresenta una livellatrice eccellente. L'altezza massima di sollevamento è pari a 3,25 metri.

La pala caricatrice 2100 RT si avvale della tecnologia IdealTrax, innovazione brevettata nel 2011. Grazie ad un cilindro, la tensione del cingolo è controllata automaticamente quando il motore si avvia, garantendo comfort e sicurezza all'operatore. Infine, la nuova pala è altresì dotata di un joystick la cui sensibilità varia a seconda delle abitudini di utilizzo, assicurando in questo modo un'eccellente maneggevolezza.

A breve nuovi modelli di pale Gehl e Mustang
Nel corso dell'anno, Manitou lancerà tre nuovi modelli di pale caricatrici cingolate e gommate dei brand Gehl e Mustang, al fine di rinnovare gradualmente le proprie linee agricole, a riprova che l'innovazione rimane una virtù dell'azienda. 

Nel contempo, rimangono best-seller del marchio la pala caricatrice articolata Gehl AL 340, dotata di una capacità di carico massima di 1.721 chilogrammi e di un'altezza pari a 2,85 metri, e il modello Mustang AL 106, il più compatto nella gamma di pale articolate con una larghezza minima di 89 centimetri ed un'altezza di 2 metri. 
 
Pala articolata AL 106 del marchio Mustang

Infine, la pala caricatrice AL 506 completa la gamma di pale compatte agricole Mustang. Con una potenza di 47 cavalli, una larghezza di 1,45 metri ed un'altezza di 2,20 metri, questo modello particolarmente adatto per la movimentazione delle balle di paglia, offre molti vantaggi con un raggio di sterzata limitato e un'impressionante potenza di sollevamento di 1.750 chilogrammi.

MLT 625-75 H: il sollevatore telescopico compatto
Rimane ancora nel listino della casa costruttrice francese il sollevatore telescopico MLT 625-75, macchina molto compatta che garantisce una manovrabilità senza pari, anche in spazi ristretti.

L'agevole accesso in cabina, la visibilità a 360 gradi e il JSM Manitou? sono tutti elementi che offrono lunghe giornate di lavoro in completa sicurezza e con la minima fatica. In aggiunta, la nuova finitura Elite assicura un comfort ottimale per l'operatore.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione macchine agricole movimento terra Sima 2017

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 20 aprile a 131.866 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy