Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

La redazione di AgroNotizie

Matteo Bernardelli

Matteo Bernardelli

Attualità e Agri@rte

Classe 1975, è orgogliosamente mantovano. Ha in tasca una laurea in Giurisprudenza che vale come un Fresh di Monte Paschi, oltretutto conseguita troppo presto e senza mai essere respinto agli esami (che errore!).Pur di non fare l'avvocato ha preso altro tempo a gingillarsi e ha così inseguito il suo sogno di fare il giornalista. E' emigrato a Milano e ha frequentato l'Istituto per la Formazione al Giornalismo (IFG).Professionista dal 2004, ha parzialmente riconvertito le proprie braccia all'agricoltura, zappando con dita pesanti sulla tastiera.Ha seguito per il Gruppo Sole 24 Ore il primo G-8 dell'Agricoltura e dirige alcune testate specializzate.E' consulente per l'informazione e la comunicazione di Veronafiere per il settore agroalimentare.Collabora con diverse testate nazionali ed internazionali e fa parte del comitato editoriale "Gusto e Società" di Franco Angeli editore.Ha pubblicato il saggio "Il diritto sessuale: crimine e peccato alla Corte dei Gonzaga" (2006) e l'analisi "Il sistema agroalimentare mantovano nel contesto nazionale" all'interno del libro "Internazionalizzazione e agroalimentare. Potenzialità e ipotesi di valorizzazione dei prodotti tipici mantovani", (2011).Sta per uscire un altro saggio, ma per una volta tiene la bocca chiusa. Anche perché si è già dipinto in maniera pessima. Per fortuna sua zia non naviga in internet...

L'autore sui social network: Twitter

Sfoglia gli articoli di Matteo Bernardelli

Contatta l'autore

28 apr Zootecnia

Trade dei bovini, una panoramica mondiale

Per ridurre la produzione di latte, oltre alla macellazione, si è sviluppato un vero e proprio mercato degli animali. Leggi i dati dell'import e dell'export dei principali paesi tra il 2016 e il 2017
allevamento-bovini-vacche-mucche-by-romankorytov-fotolia-750

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Francia, Germania, Regno Unito, Polonia, Italia e Olanda. E' l'elenco dei paesi che nel 2016 hanno puntato sulla macellazione di vacche come strumento per ridurre la quantità di latte prodotta. Per contenere la sovrapproduzione di latte, che forse è stata la principale causa del crollo dei prezzi, l'Unione europea ha previsto fra i propri strumenti anche quello di assegnare agli allevatori la cifra di 14 centesimi per litro di latte non prodotto. Accanto alla macellazione come soluzione per ridurre il numero di capi in mungitura, innalzando così il livello genetico delle bovine (le vacche riformate sono normalmente quelle con i maggiori problemi, con la qualità più bassa delle produzioni), si è innescato in parallelo un mercato degli animali, che ha generato da un lato business per i venditori e dall'altro sostenuto alcuni paesi nelle politiche di rafforzamento della zootecnia. Tra gennaio 2016 e febbraio 2017, in ba

27 apr Zootecnia

Latte, uno sguardo sull'Unione europea

L'incentivo a produrne meno si è dimostrato particolarmente valido in Francia e Germania, le quali hanno messo a segno anche il maggior numero di macellazioni. Il sistema continua però ad essere debole e richiede azioni di sostegno
mucca-vacca-cartone-latte-by-alberto-masnovo-fotolia-750

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Secondo i dati pubblicati dalla Commissione europea nei giorni scorsi, tra ottobre 2016 e gennaio 2017 hanno aderito al piano straordinario per la riduzione volontaria della produzione di latte circa 48mila allevatori in tutta Europa. Il programma rientrava nell'ambito del cosiddetto Pacchetto l ...

Elezioni francesi: Macron-Le Pen, chi la spunterà?

L'ultima parola si avrà il prossimo 7 maggio. Leggi il programma per il mondo agricolo dei due candidati all'Eliseo
votazioni-francesi-voto-francia-andriano-cz-fotolia-750

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Per quanto fosse in buona parte prevista, il primo turno delle presidenziali francesi scodella una vera e propria rivoluzione: i partiti tradizionali, quello gollista e quello socialista, rimangono fuori dal ballottaggio. Il duello ora porta al confronto tra Emmanuel Macron, candidato del partito ce ...

26 apr Zootecnia

Grana Padano: export, benessere animale e marchi di tutela

Il direttore generale Stefano Berni: "Continueranno le attività di sensibilizzazione e promozione"
tavolo-assemblea-grana-padano-aprile-2017-fonte-matteo-bernardelli

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Il Grana Padano avanza all'estero (+7% nel 2016 sull'anno precedente) e scommette sull'internazionalizzazione con adeguati piani di comunicazione e marketing; sceglie la strada della modernità e, con il voto favorevole dell'assemblea, apre all'introduzione del robot di mun ...

L'Unione europea tra difesa della Pac e tutela dell'agroalimentare

Phil Hogan: "Il mio ruolo è quello di assicurare che gli agricoltori abbiano i necessari strumenti per praticare la loro arte. E una Pac ben fondata continuerà a portare benefici". Leggi l'intervista al commissario Ue all'Agricoltura
phil-hogan-inaugurazione-264esimo-anno-accademico-georgofili-aprile-2017-fonte-profilo-twitter-hogan

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

"L'Unione europea è solida, malgrado le sue numerose sfide esterne e le complicazioni interne. L'Ue rimane forte e in buona salute. La sfida esistenziale posta dalla Brexit è stato un richiamo per unire ancora di più l'Europa". A dirlo è il commissa ...

L'Accademia dei Georgofili inaugura il 264° anno accademico

Nel corso della cerimonia il presidente Giampiero Maracchi ha elencato una serie di punti chiave per il rilancio del settore primario. Reddito agricolo, ambiente e risorse naturali, i settori su cui puntare l'attenzione
georgofili-inaugurazione-264esimo-anno-accademico-aprile-2017-fonte-accademia-dei-georgofili

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

L'Accademia dei Georgofili inaugura il 264° anno accademico a Palazzo Vecchio di Firenze con il commissario europeo all'Agricoltura e allo sviluppo rurale, Phil Hogan, e, lungo un solco di idee libere espresse per la crescita del settore primario, ricorda uno dei grandi co ...

10 apr Zootecnia

Lattiero caseario, agli Usa piace il made in Italy

Sulla base dei dati Clal l'Italia è il primo esportatore di formaggi dell'Ue verso gli Stati Uniti, seguono Francia, Olanda e Spagna. Ma cosa succederebbe se l'amministrazione a stelle e strisce decidesse di applicare dei super-dazi?
latte-formaggi-lattiero-caseario-sunnys-fotolia-750x701

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Se la adozione dei super-dazi sarà un bluff oppure verrà applicata davvero nei confronti di una black list di 90 prodotti provenienti dall'Unione europea, è ancora tutto da vedere. In teoria i super-dazi dovrebbero essere applicati fino all'ammontare della presunta viol ...

Strada in salita per il commercio internazionale

Sta facendo il giro del mondo la proposta degli Stati Uniti di applicare super-dazi su alcuni prodotti europei. E se invece venissero tutti aboliti, cosa succederebbe?
ttip-usa-ue-europa-stati-uniti-america-by-goanovi-fotolia-750

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Gli Stati Uniti che cercano di chiudere le frontiere e di innalzare barriere tariffarie al commercio, la Cina che si erge a paladina della globalizzazione all'ultimo Forum economico mondiale di Davos. E ancora: gli Usa che con Trump annullano i decreti esecutivi sul clima, che avrebbero avvicina ...

Dazi, una finestra sul mondo

Non solo gli Stati Uniti. Dall'Europa all'Oceania, passando per l'Asia, sono molti i paesi che applicano barriere agli scambi commerciali per limitare le importazioni di prodotti alimentari e non
import-export-cartelli-by-kikkerdirk-fotolia-750

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

America first, l'America dei cattivoni che alzano (o minacciano di alzare) barriere commerciali per limitare le importazioni dagli altri paesi, si inseriscono in buona compagnia. Gli Stati Uniti non sono, infatti, l'unico paese che utilizza largamente le barriere protezionistiche. Se in v ...

Europa-Usa, in arrivo super-dazi per l'export agroalimentare?

A scatenare la minaccia di Washington la mancata apertura del mercato europeo alla carne bovina americana. Anche altri settori, però, rischiano di essere messi in forse
ttip-bandiere-sfumate-usa-europa-by-weyo-fotolia-750

Matteo Bernardelli di Matteo Bernardelli

Una vecchia storia di carne, ritornata al centro della vertenza per la terza volta nell'arco di 19 anni, ma che nulla ha a che vedere con gli ormoni (bensì più prosaiche quote di mercato), rischia di affossare una parte dell'export agroalimentare dall'Europa agli Stati Unit ...

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 27 aprile a 131.981 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner