Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Il grano dà i numeri Notizie sull'argomento

Articoli
Trovati 89 risultati

31 ott 2018 Economia e politica
Grano duro, regna la calma piatta

A Foggia si conferma oggi la fase di stabilità per il prodotto pastificabile con la terza seduta consecutiva della Borsa merci a prezzi all'ingrosso invariati (217 - 222 euro/ton) e con la seconda rilevazione di Ismea che indica stabilità all'origine sui valori di 210 - 215

25 ott 2018 Economia e politica
Grano duro, valori di mercato bassi ma stabili

A Foggia si ferma la discesa del prezzo all'origine del cereale nazionale pastificabile rilevato da Ismea, che conferma 215 euro/tonnellata sui massimi. Si rafforza la stabilità di quello all'ingrosso alla Borsa merci: valori massimi a 222 euro/tonnellata

4 ott 2018 Economia e politica
Grano duro all'origine a -2,2%

Succede a Foggia secondo le rilevazioni dell'Ismea sul prodotto fino. E alla Borsa merci del capoluogo della Capitanata il prezzo all'ingrosso resta fermo, raggiunto agli stessi valori, 220-225 euro/tonnellata, dal prezzo praticato in campagna

14 set 2018 Economia e politica
Grano duro: prezzi fermi, domanda in calo?

Continua la stasi a Foggia. Il fenomeno è iniziato da tempo e registrato da uno studio di Confagricoltura: a partire da un'analisi delle importazioni, in calo del 10% nel 2017, si è ridotta negli anni la richiesta complessiva di frumento pastificabile sul mercato italiano

30 ago 2018 Economia e politica
Prezzi fermi per il grano duro

A Foggia i mercati in riapertura non registrano variazioni all'origine (225-230 euro/tonnellata) su fine luglio e all'ingrosso (220-225 euro/tonnellata) sul primo agosto. Con i valori della Borsa merci al di sotto di quelli rilevati in campagna da Ismea ormai da fine luglio

12 lug 2018 Economia e politica
Grano duro fino, prezzi fermi a Foggia

Tanto le quotazioni di ieri della Borsa merci quanto le rilevazioni Ismea del 4 luglio restano attestata alla settimana precedente, coi valori all'origine che restano superiori di quelli all'ingrosso di 10 euro sia sui valori minimi che sui massimi