Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Grano duro, si ferma l'onda ribassista

Ieri, 19 aprile 2017, a Foggia mercato calmo e quotazioni inchiodate sui valori della scorsa settimana. C'è attesa tra gli operatori per una possibile svolta

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

grano-frumento-by-hachri-fotolia-750.jpeg

Il prezzo di mercato del grano duro non risente al momento delle previsioni di semina negative
Fonte foto: © hachri - Fotolia

Il grano duro continua ad impensierire gli agricoltori del Centro-Sud, anche se il prezzo arresta per ora la sua corsa al ribasso.
Ieri, 19 aprile 2017, sulla piazza di Foggia, la Borsa merci della locale Camera di commercio ha confermato le quotazioni del grano duro fino poco sotto la soglia dei 200 euro alla tonnellata. In se, quindi, già una buona notizia rispetto alle aspettative più negative.

I prezzi del grano di qualità migliore, calcolato all'ingrosso, franco partenza luogo di stoccaggio sono stati infatti fissati nuovamente a 190 euro sui valori minimi ed a 195 sui massimi. Prezzi invariati rispetto alla scorsa settimana, mentre gli operatori restano in costante attesa di un segnale di inversione di tendenza.

Il grano duro idoneo per ottenere una buona semola da pastificazione, con l'11,50% di tenore in proteine, del peso di 79-80 chilogrammi ogni 100 litri, umidità al 12%, chicchi spezzati massimi al 6%, farinosi 1%, bianconati fino al 35% e nulli allo 0,50, si conferma con queste quotazioni e con operazioni improntate alla calma verso il periodo di fine campagna commerciale della mietitura 2016.

Stabili anche i prezzi del grano duro mercantile (minimo 175 - massimo 180) e del grano duro buono mercantile (minimo 175 - massimo 180).

Lo scorso anno, nella stessa data di oggi, 20 aprile 2016, lo stesso grano duro fino a Foggia quotava 240 euro la tonnellata sui valori minimi, spuntando sui massimi 245 euro, ed aveva già iniziato una fase discendente protrattasi fino al periodo della mietitura. Rispetto ai massimi in un anno il grano duro di miglior qualità ha perso oltre il 20,40% del valore.

Il prezzo attuale del grano duro, almeno per il momento, non risente ancora delle previsioni di semina che, secondo l'indagine Istat, hanno registrato in inverno un -7% per la campagna 2016/2017.
E restano ancora da verificare anche i possibili effetti negativi sull'andamento del prezzo di mercato legati alla sostanziale sottrazione alla libera contrattazione di ingenti quantità di grano, che sono state già prenotate direttamente da molini e pastifici attraverso i contratti di filiera.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: cerealicoltura prezzi mercati grano cereali contratti di filiera

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 25 maggio a 132.334 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy