Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Latte e carne aggrappati all'export

Calano i consumi interni, compensati in parte dall'aumento delle esportazioni. Ma per formaggi e salumi, dove vantiamo prodotti di eccellenza, ci facciamo superare da molti paesi

Angelo Gamberini di Angelo Gamberini

formaggitedeschi-carl-christian-grondal.jpeg

La Germania, che dispone di un minor numero di formaggi Dop rispetto a noi, ci supera di larga misura nelle esportazioni
Fonte foto: carl christian grondal

Abbiamo perso per strada 350mila tonnellate di carne. E' accaduto in dieci anni, durante i quali i consumi sono scesi di quasi l'8%. E siamo passati da 80,4 kg di carni pro capite consumati nel 2005 ai soli 74,5% del 2015, quasi l'8% in meno. Le cose vanno persino peggio nel comparto lattiero caseario, dove in appena 5 anni i consumi sono scesi dell'11%.

A salvare latte e carne italiani da una altrimenti inevitabile debacle sono state le esportazioni.
Nel caso della carne, gli ultimi dieci anni hanno visto crescere del 75% le nostre vendite sui mercati stranieri.
Analoga la situazione per il comparto del latte, con l'export cresciuto del 92%, più del 72% registrato dall'insieme delle nostre esportazioni di tutto il comparto agroalimentare.

Salumi e formaggi
Sono questi alcuni dei “numeri” emersi dalle analisi di Nomisma, Agrifood Monitor e Crif, presentati in occasione di Cibus Connect, che si è svolto a Parma e il cui resoconto è riassunto da AgroNotizie del 18 aprile.

Più in dettaglio, nel comparto carne la crescita dell'export è stata guidata dai salumi, che in valore ha raggiunto 1,6 miliardi di euro, oltre la metà dell'intero export di carne, il doppio rispetto a dieci anni fa.

Nel comparto del latte la parte del leone è svolta dai formaggi, con i suoi 2,4 miliardi di euro, l'82% di tutto l'export lattiero caseario. Il tasso di crescita nelle vendite all'estero è stato straordinario, il 92% nel volgere di due lustri. Un trend che prosegue ancora oggi, sia per il latte, sia per la carne.

Si può fare di più
Tutto bene, dunque, per latte e carne italiani? Non è così e l'andamento dei mercati, con il prezzo di carne e latte in perenne sofferenza, è lì a dimostrarlo.
Il nostro export continua a macinare record, ma stentiamo a mantenere il passo nella competizione mondiale e ci facciamo superare da Paesi che non possono vantare le nostre eccellenze in campo alimentare.

I salumi e la Brexit
Sul fronte dei salumi il mercato mondiale ha un valore di 21 miliardi di euro, che per l'Italia si ferma a circa 1,6 miliardi, il 7,7% del totale. Uno dei principali mercati è quello inglese (da solo vale il 16% del totale), dove l'Italia figura fra i principali fornitori (11%), ma dietro a Germania (21%) e Francia (17%).

Insomma ci sono ampi spazi di crescita. Prosciutti e mortadelle, che figurano fra i prodotti più consumati Oltremanica, dovranno fare i conti con la Brexit e con le nuove regole che potrebbero incidere sul prezzo finale.

Già oggi un freno al consumo dei nostri salumi sul mercato inglese deriva dal prezzo elevato. Un problema che la Brexit potrebbe accentuare. Quasi un invito a cercare nuovi mercati per i nostri salumi.

Formaggi, Italia solo quarta
Per il settore lattiero caseario i protagonisti del commercio mondiale sono i formaggi, con un valore complessivo di oltre 24 miliardi di euro.
Al primo posto fra i big dell'esportazione mondiale troviamo la Germania, seguita da Francia e Olanda.
L'Italia, a dispetto dei suoi grandi formaggi, è solo al quarto posto. In compenso siamo al primo posto nell'export verso gli Usa, dove il nostro Paese conquista il 17% come volumi di vendite e con interessanti prospettive di crescita.
Ancora piccolo (380 milioni euro), ma molto promettente è il mercato cinese, con tassi di crescita del 118% negli ultimi tre anni.

Chi investe è premiato
Ma bisogna fare i conti con una concorrenza sempre più agguerrita, che impone forti investimenti alle aziende che vogliono spingere sull'export.

Investimenti ripagati dal miglioramento dei margini, altrimenti erosi da un mercato interno in contrazione. Una conferma che il futuro di latte e carne passa sempre più dall'export.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: carne export latte prezzi formaggi insaccati e salumi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 19 ottobre a 132.663 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy