Forum

Home   Supporto

Iscriviti alla community per partecipare al forum e vedere gli autori dei messaggi

Gestione della pianta
Cinghiatura

Discussione avviata martedì 5 marzo 2013 - 00:18 • viste: 2005 • risposte: 3

Cinghiatura

Scritto martedì 5 marzo 2013 - 01:18

salve a tutti,
sto seguendo un corso di potatura e di innesti e durante la lezione si è parlato anche della cinghiatura e dei benefici che può dare ma non ho capito bene se bisogna praticare un'incisione a 360 gradi o bisogna lasciarne un pezzettino senza inciderlo... Per favore aiutatemi sto impazzendo Felice
Vi ringrazio in anticipo

rispondi

RE: Cinghiatura

Scritto martedì 5 marzo 2013 - 22:06

Dovresti essere un pò più preciso al riguardo. Se intendi la cinghiatura come pratica di forzatura andando ad incidere un anello attorno al tralcio con un coltellino oppure se stringendo attorno ad esso un laccio.

rispondi

RE: Cinghiatura

Scritto venerdì 8 marzo 2013 - 15:44

Si, intendo la cinghiatura come pratica di forzatura andando ad incidere un anello attorno al tralcio. Però non ho ancora capito se l'anello che devo praticare deve essere completo (360°) o se devo lasciare un lembetto di corteccia intatta x fornigli un minimo di nutrizione idrica...

rispondi

RE: Cinghiatura

Scritto venerdì 8 marzo 2013 - 17:31

Questa metodologia di forzatura è un intervento sulla vite (se operi su questa pianta) che consiste nel togliere un anello di corteccia o inciderla in modo da interrompere il movimento discendente della linfa. Può essere applicato sul fusto, sui rami laterali o sui germogli. Se praticato prima della fioritura, induce un aumento dell'allegagione, per l'accumulo di gibberelline e di sostanze organiche sul luogo dell'incisione. Nelle fasi finali del ciclo della vite, favorisce l'aumento della colorazione degli acini e la loro maturazione.

rispondi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner